giovedì , Dicembre 8 2022
Home / Comunicazione / Agricoltura, Pesca & Ambiente / Pomaria, è festa delle mele

Pomaria, è festa delle mele

foto ufficio stampa Pomaria

Pomaria”, la grande festa della Val di Non dedicata alla raccolta delle sue celebri mele, all’autunno e ai suoi doni, torna dopo due anni di assenza (15 e 16 ottobre) e nel prendere vita di nuovo nel suggestivo borgo contadino di Casez, con il suo bellissimo centro storico allestito a feste, dedicherà uno spazio d’eccezione ai bambini

La manifestazione ha sempre riservato loro una grande attenzione e nell’edizione del ritorno le attività saranno ancora più ricche, coinvolgente e istruttive perché la valenza ambientale di Pomaria cresce, inarrestabile, anno dopo anno anche per far sì che le nuove generazioni siano sempre più vicine alla terra, come bene prezioso e comune da conoscere, proteggere e valorizzare.

Il programma per tutti – dai 3 ai 90 anni – è molto vario come di consueto e regina sarà la mela in tutte le sue espressioni: si avrà la possibilità di raccogliere le mele direttamente dall’albero, imparare a cucinare lo strudelconoscere e assaggiare le diverse varietà di mele e i loro golosi derivati, giocare e divertirsi in laboratori didattici, anche per adulti, e percorsi di degustazione. E, insieme a tutto questo e alle altre attività dedicate alla scoperta del territorio e dei produttori associati alla Strada della Mela, ci sarà, appunto, un “calendario” speciale dedicato ai più piccoli, che trasformerà in un grande laboratorio a cielo aperto il borgo di Casez, i sui vicoli dalle tracce rinascimentali, la piazza e gli spazi delle dimore storiche, aperti fin dalla prima edizione per i visitatori.

Elencare ogni singola attività richiederebbe davvero molto tempo e spazio, ma per mettere bene a fuoco ciò che attende le famiglie e in particolare i bimbi in visita a Pomaria, vale la pena dare uno sguardo da vicino al programma. 

Saper fare e conoscere: tanti laboratori per divertirsi costruendo, imparando e osservando la natura

Principio guida delle attività è quello di coinvolgere il più possibile i partecipanti dal punto di vista pratico, anche al fine di lasciare loro un ricordo indelebile e qualcosa che possa essere utilizzato o ricreato a casa, con l’idea che il saper fare è prezioso a tutte le età e che se si impara nei primi anni di vita è ancora più utile e piacevole. Quasi tutte le attività si ripetono nell’arco delle due giornate e per avere ulteriori dettagli su orari e modalità di iscrizione ci si può collegare al sito www.pomaria.org/animazione-per-bambini.

Tra i più amati, c’è sicuramente il laboratorio “La cassetta per le mele”, con chiodini, assicelle e martello si impara a costruirne una piccola cassetta, che può essere utile per le mele raccolte con i genitori nel campo di Pomaria, per altra frutta o per metterci giochi e oggetti.

Utile, bello e importante anche a casa è l’“Hotel per insetti” o la “Casetta per gli uccellini”: si lavora insieme alla costruzione di uno o dell’altra, li si rende unici e belli con delle decorazioni colorate e li si porta con sé, in funzione dell’arrivo dei loro particolarissimi abitanti.

“Come funziona l’impollinazione?” è la domanda su cui si basa il laboratorio “Farfalle e altri amici impollinatori fantastici”: si studiano in modo divertente dinamiche e insetti e dando spazio alla fantasia si inventa e si compone il proprio impollinatore

Ortaggi in primo piano con “Il mio campo nel vasetto”: mele, zucche, castagne, radicchio… saranno riprodotti con carte speciali per creare piccoli vasetti con frutta e verdura in miniatura. E con un gioco fatto di carta si scopre e capisce l’importanza della stagionalità”

E se si riescono a catturare i vegetali, altrettanto si fa con la stagione del raccolto: “L’autunno in un barattolo” riesce proprio a fare questo, mettendo insieme i suoi colori, partendo dalle foglie. Divertente, facile e trasportabile, questo foliage in miniatura è adatto anche ai bambini di 3 anni.

Dai barattoli alle bottiglie per un piccolo “Riciclo creativo” e scientifico. Qui, il quesito a cui rispondere in modo pratico è: “Hai mai costruito un barometro o misuratore della pressione atmosferica a partire da una scatola da scarpe, un vasetto di vetro per le conserve, un palloncino bucato e una cannuccia?”. E attraverso questo laboratorio didattico-creativo si impara a dare una seconda vita ad alcuni oggetti destinati alla discarica.

Tra gli appuntamenti più affascinanti c’è “Costruiamo un telaio naturale”: con fili di lana, piante e fiori si costruisce un telaio profumatissimo, capendo come funziona la semplice e incredibile magia di mettere insieme dei fili e creare un tessuto.

Lezioni di guida agricole al centro di “Trattorini”, un fantastico percorso a bordo di divertenti mezzi artigianali con la carrozzeria di legno!

Oltre a questi laboratori, tutta la famiglia si diverte e sta bene insieme con l’allegria dei momenti “Truccabimbi”, realizzato con tinte naturali, e negli spazi dedicati ai bambini dai 0 ai 5 anni, in cui giocare e fare piccole scoperte, e alle neo-mamme, in cui poter allattare, cambiare i bimbi e trascorre qualche ora di relax!

Per accedere ai laboratori si acquistano i gettoni di Pomaria e con una piccola cifra simbolica ci si iscrive e si partecipa in compagnia!

www.pomaria.org

Informazioni: Azienda per il Turismo Val di Non 0463 830133 info@visitvaldinon.it

Check Also

Fao, pesca: il 73% delle specie acquatiche è sovrasfruttato

Non accenna a diminuire lo sfruttamento nella pesca di alcune specie commerciali. Nonostante la “pesca …