mercoledì , Novembre 30 2022
Home / Comunicazione / Il Presidente / Il governo del compromesso

Il governo del compromesso

Un’operazione di grande equilibrismo e di abile compromesso tra tante e differenti forze politiche ed accademiche. Una miscela di continuità e discontinuità, di ruoli-chiave e comprimari, di novità e ritorni in scena.

Mario Draghi ha ufficializzato la lista dei ventitré ministri. Quindici sono i politici, assicurati alle forze parlamentari con un perfetto Manuale Cencelli. Una folta rappresentanza, soprattutto numerica, proprio per avere meno criticità possibili sul fronte più problematico, quello dei partiti. Otto i tecnici, tutti nei ruoli-chiave: dall’ex Ragioniere dello Stato Daniele Franco, fedelissimo del premier, alla guida dell’Economia, al supermanager Vittorio Colao all’Innovazione; dall’ex presidente della Corte costituzionale Marta Cartabia alla Giustizia al fisico Roberto Cingolani alla Transizione ecologica. L’Istruzione a Patrizio Bianchi. E l’Università a Cristina Messa.

Alla politica le caselle di maggior peso vanno a Giorgetti (Lega) con lo Sviluppo economico, a Orlando (Pd) con il Lavoro (ex alla Giustizia), a Patuanelli (M5S) con l’Agricoltura e a Speranza (Leu), riconfermato alla Salute. La continuità con il Conte II è anche nella conferma della Lamorgese all’Interno.Di Maio agli Esteri sarà stavolta oscurato dalla fama internazionale del premier, mentre per Brunetta alla Pubblica amministrazione è un ritorno e una scelta indicativa del nuovo percorso, una designazione che sta già creando non pochi mal di pancia tra i pubblici dipendenti. “Spacchettati” i Beni culturali tra la Cultura (Franceschini al suo quarto governo) e Garavaglia (Turismo).

Un governo certamente “migliore” per qualità complessiva, di maggior peso grazie all’autorevolezza e alla credibilità del premier e dei suoi più stretti collaboratori, ma anche alla maggioranza decisamente più ampia e al ruolo di Mattarella.

Per la politica è soprattutto una grande occasione per “rifarsi una verginità”, dopo le prove non proprio esaltanti delle ultime stagioni. I partiti dispongono oggi di un quadro ideale per contribuire al rilancio del Paese e riconquistare la fiducia del cittadino-elettore, lasciando da parte le immancabili tentazioni dei personalismi. Sarà soprattutto l’interesse nazionale a dover essere anteposto a quello “di bottega”.

In agenda c’è una grande sfida, il piano vaccinale, e un’enorme opportunità, i soldi del Recovery. Mario Draghi è un abile timoniere: chi gli remerà contro, stavolta, dovrà passare sotto le forche caudine dell’opinione pubblica.

Check Also

Da Soumahoro al Mose, differenti visioni del mondo

Antica immagine di Venezia sott’acqua Due vicende di primo piano dei nostri giorni, in apparenza …