giovedì , Maggio 28 2020
Home / Comunicazione / Primo piano / Confcommercio su Fase 2: prova ripartenza superata

Confcommercio su Fase 2: prova ripartenza superata

Per Confcommercio sono quasi 800 mila le imprese del commercio e dei servizi di mercato che hanno ripreso l’attività dopo oltre due mesi di chiusura forzata. L’esito del lockdown totale che ha riguardato tutto il mese di aprile è stato devastante per il sistema economico italiano che, dalla seconda guerra mondiale, non aveva mai sperimentato una crisi così profonda e totale. Alla flessione del 30,1 per cento registrata a marzo, ad aprile i consumi sono crollati del 47,6 per cento rispetto ad aprile 2019. I settori maggiormente colpiti sono stati il turismo, la ristorazione, l’intrattenimento e l’automotive, mentre hanno resistito facendo rilevare un segno positivo l’alimentazione domestica, le comunicazioni e l’energia.

La riapertura ha interessato il 90 per cento dei negozi di abbigliamento ed il 79 per cento dei bar e dei ristoranti.

Per FedermodaItalia la ripartenza in sicurezza è stata per certi versi incoraggianti e ha evidenziato quanto sia forte per gli italiani il desiderio di ritornare alla normalità anche effettuando un semplice acquisto in negozio. I prodotti più richiesti sono stati intimo, pantaloni e camicie, scarpe ed accessori.

Per Fipe la ripresa della ristorazione ha visto tirare su le serrande al 70 per cento di bar e ristoranti, con il 40 per cento dei dipendenti in meno (circa 400 mila unità), equipaggiati di guanti, mascherine e gel disinfettanti ed in alcuni casi di divisori all’interno del ristorante.

Da Federpreziosi fanno sapere che la riapertura ha coinvolto praticamente tutte le gioiellerie, dotate dei dispositivi di protezione individuale ed osservanti le misure di prevenzione previste.

Per Federmobili la quasi totalità dei negozi di arredamento ha riaperto le porte al pubblico nella giornata di martedì 19 maggio contro l’80 per cento della prima giornata. Una delle difficoltà maggiori incontrate dagli operatori è stata quella di capire come procedere per un’adeguata sanificazione dei locali e dei prodotti in esposizione, come pure l’organizzazione gli spazi riservati agli uffici di progettazione accessibili al cliente rispettando i distanziamenti prescritti.

Check Also

Aziende, emergenza Covid-19 e l’area risorse umane

L’emergenza Covid-19 ha investito tutte le organizzazioni, cambiando le modalità di lavoro, di collaborazione e …

In occasione del “ponte” di lunedì 1 giugno 2020 antecedente la Festa della Repubblica del 2 giugno, gli uffici di Unsic nazionale in via Angelo Bargoni 78 resteranno chiusi per l’intera giornata.