giovedì , Ottobre 17 2019
Home / Comunicazione / Primo piano / Dazi Usa, preoccupazione per il “made in Italy”

Dazi Usa, preoccupazione per il “made in Italy”

C’è forte preoccupazione tra gli imprenditori italiani per la scure dei dazi statunitensi che sta per abbattersi anche sul Made in Italy. I dazi dovrebbero scattare dal 18 ottobre. Ad essere maggiormente colpiti sarannoi formaggi e i prosciutti, mentre si salverebbero olio d’oliva e il prosecco.

E’ quanto emerge dalla lista dei prodotti pubblicata dalle autorita’ americane dopo il via libera del Wto agli Stati Uniti. Lo stessoWto ha stabilito che gli Usa potranno imporre dazi agli europei per 7,5 miliardi di dollari come compensazione per gli aiuti illegali concessi al consorzio aeronautico Airbus (sentenza contro l’Ue per il dossier Airbus pronunciata a maggio 2018). 

Nell’elenco figurano anche il whisky scozzese, i vini francesi, l’Emmental svizzero e la groviera. Dazi del 10 per cento sugli aerei commerciali

“L’Italia si rende perfettamente conto che c’è una tensione commerciale a livello globale e, sicuramente, la prospettiva di questo confronto sui dazi tra Stati Uniti e Ue non può non considerare che siamo coinvolti come Unione europea – ha detto il premier, Giuseppe Conte – tuttavia confidiamo di poter ricevere attenzione dal nostro tradizionale alleato su quelle che sono alcune nostre produzioni strategiche”.

Check Also

iva

Manovra, stop aumento Iva: ecco le principali misure approvate

Blocco Iva e lotta all’evasione, ma anche 3 miliardi per ridurre il cuneo fiscale e …