sabato , Luglio 13 2024
Home / Comunicazione / Primo piano / DL Siccità: prevenzione e potenziamento delle infrastrutture in vista dell’estate

DL Siccità: prevenzione e potenziamento delle infrastrutture in vista dell’estate

siccità

Approvato giovedì 7 aprile in sede di Consigli dei ministri, un decreto legge che introduce disposizioni urgenti per la prevenzione e il contrasto della siccità e per il potenziamento e l’adeguamento delle infrastrutture idriche. Il cosiddetto “Decreto Siccità” è frutto di una proposta congiunta del presidente Giorgia Meloni e dei ministri delle Infrastrutture e dei Trasporti Matteo Salvini, dell’Ambiente e della Sicurezza energetica Gilberto Pichetto Fratin, per la Protezione civile e le Politiche del mare Nello Musumeci, per gli Affari europei, il Sud, le Politiche di coesione e il Pnrr Raffaele Fitto, dell’Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste Francesco Lollobrigida e per gli Affari regionali e le Autonomie Roberto Calderoli.

Con il decreto, si introducono specifiche misure volte ad aumentare la resilienza dei sistemi idrici ai cambiamenti climatici e a ridurre dispersioni di risorse idriche. Si prevedono, tra l’altro: un regime semplificato per le procedure di progettazione e realizzazione delle infrastrutture idriche che rinvia al modello Pnrr; l’aumento dei volumi utili degli invasi; la possibilità di realizzare liberamente vasche di raccolta di acque meteoriche per uso agricolo entro un volume massimo stabilito; il riutilizzo delle acque reflue depurate per uso irriguo; l’introduzione di notevoli semplificazioni nella realizzazione degli impianti di desalinizzazione. Tali misure troveranno immediata attuazione anche grazie al sistema di governance delineato, che prevede:

  • l’istituzione della cabina di regia, con il compito di effettuare entro 30 giorni una ricognizione delle opere e degli interventi di urgente realizzazione per far fronte, nel breve termine, alla crisi idrica e, tra queste, quelle suscettibili di essere realizzate da parte del commissario straordinario nazionale. Nel caso di ritardi o di altre criticità nella realizzazione di singoli interventi infrastrutturali del settore idrico, la cabina di regia attiva procedure volte a superare i ritardi o le criticità emerse e può anche nominare singoli commissari ad acta;
  • la nomina di un commissario straordinario nazionale per la scarsità idrica, che resterà in carica fino al 31 dicembre 2023 e potrà essere prorogato fino al 31 dicembre 2024. Il commissario realizzerà, in via d’urgenza, gli interventi indicati dalla cabina di regia e svolgerà ulteriori funzioni, tra le quali la regolazione dei volumi e delle portate degli invasi, la verifica e il coordinamento dell’adozione, da parte delle regioni, delle misure previste per razionalizzare i consumi ed eliminare gli sprechi, la verifica e il monitoraggio dell’iter autorizzativo dei progetti di gestione degli invasi finalizzati alle operazioni di sghiaiamento e sfangamento, l’individuazione delle dighe per le quali risulta necessaria e urgente l’adozione di interventi per la rimozione dei sedimenti accumulati nei serbatoi, la ricognizione degli invasi fuori esercizio temporaneo da finanziare nell’ambito delle risorse del “Fondo per il miglioramento della sicurezza e la gestione degli invasi”. Il commissario, in caso di perdurante inerzia nella realizzazione degli interventi e delle misure elencate da parte dei soggetti responsabili, potrà essere indicato dal presidente del Consiglio dei ministri, previa delibera e sentito il soggetto inadempiente, al fine di adottare, in via sostitutiva, gli atti o i provvedimenti necessari o di eseguire i progetti e gli interventi.

Check Also

Vino, il ministro Giorgetti all’assemblea Uiv: “Italia luogo ideale per investire”

“In questi giorni cominciamo a riunire il tavolo per le regole sui dealcolati. Non ho …