lunedì , Aprile 22 2024
Home / Comunicazione / Primo piano / Ex stabilimento Termini Imerese: 8 mln di euro dalla Pelligra Holding

Ex stabilimento Termini Imerese: 8 mln di euro dalla Pelligra Holding

È ufficiale. Il sito ex Blutec di Termini Imerese, Palermo, passa alla holding Pelligra Italia, dell’imprenditore italo-australiano Ross Pelligra, già patron del Catania calcio.

Il ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso, a seguito dell’individuazione da parte dei Commissari straordinari e previo parere del Comitato di Sorveglianza, ha autorizzato il perfezionamento dell’atto di cessione del ramo d’azienda di Termini Imerese di Blutec Spa in amministrazione straordinaria alla Pelligra Italia Holding Srl, in quanto aggiudicataria della gara.

L’assegnazione si inserisce in un più ampio progetto di rilancio del polo industriale di Termini Imerese che riguarda, oltre alla riqualificazione dell’area industriale, il potenziamento del porto e lo sviluppo di un interporto integrato all’area.

Il piano di Pelligra Holding Italia Srl, comparato alle altre offerte ricevute (cinque in tutto) è risultato l’unico pienamente rispondente alla disciplina di gara, ha proposto un progetto di riconversione immobiliare al fine di creare un distretto industriale ad alta tecnologia da destinare a uso misto commerciale/manifatturiero con un’offerta di 8 milioni di euro e la previsione dell’assunzione di almeno 350 dipendenti ex Blutec, attualmente in cassa integrazione, con garanzia di impiego per i prossimi 24 mesi.

Oltre alla riconversione del sito industriale, il progetto di rilancio del polo di Termini Imerese è di più ampio respiro e prevede anche connessioni con il porto di Termini Imerese, che è stato commercialmente potenziato grazie allo spostamento della stazione container dal porto di Palermo, e che quindi diventerà il principale scalo commerciale della Sicilia occidentale a partire dal prossimo mese di novembre. L’interporto consentirà invece di combinare differenti modi di trasporto (strada, ferrovia, mare), rendendolo il baricentro intermodale di un’ampia zona di produzione.

Saranno due le fasi di intervento:

  • la prima riguarda la riqualificazione degli opifici industriali mediante l’ausilio della manodopera assorbita e formata (almeno 350 unità);
  • la seconda riguarda la diversificazione dei soggetti da insediare nel complesso industriale. In questa fase potranno trovare collocazione gli stessi lavoratori già impegnati nella riconversione dei siti.

Il Mimit, assieme al sistema pubblico locale (Regione Sicilia e Comune di Termini Imerese), metterà in campo I propri strumenti per supportare e accompagnare il lavoro di riqualificazione dell’area nei prossimi mesi in modo da poter arrivare ad un obiettivo di piena occupazione e di ripresa di importanti attività manifatturiere e logistiche.

Pelligra Italia Holding Srl è una partecipata italiana dell’impresa australiana Pelligra Australia PTY LTD che opera nel settore dello sviluppo immobiliare commerciale, industriale e residenziale. La società australiana è stata fondata nel 1960 e si è specializzata nella riconversione e riqualificazione di aree industriali – anche dismesse – attraverso la loro trasformazione in parchi industriali.

L’impresa ha dato prova della propria esperienza in quanto riqualificato in Australia due grandi stabilimenti automobilistici di Ford Australia, a Campbellfield e a Geelong, per oltre 33 ettari di estensione, rigenerando le aree in poli industriali di ultima generazione. Sempre in Australia, il Gruppo Pelligra ha realizzato uno dei più grandi distretti aziendali del Paese, il Lionsgate Business Park, che si estende per 123 ettari.

Check Also

Presentato al Consiglio Ue il rapporto di Letta sul mercato unico

Le elezioni europee si avvicinano e dopo le anticipazioni di Mario Draghi sul rapporto sulla …

 

Si avvisa che il giorno 26 aprile 2024 gli uffici della sede Unsic nazionale resteranno chiusi.

 

Le attività riprenderanno regolarmente il 29 aprile 2024.

 

 

Si informa, inoltre, che gli uffici del Caf Unsic nazionale rimarranno operativi.