martedì , Luglio 23 2024
Home / Comunicazione / Primo piano / Mercato immobiliare non residenziale: su i negozi, giù gli uffici

Mercato immobiliare non residenziale: su i negozi, giù gli uffici

Cresce significatamene il mercato immobiliare dei negozi, con oltre 40mila unità scambiate lo scorso anno, circa 1.800 in più rispetto al 2022 (+4,5%). Sono invece in calo, le compravendite di uffici (-1%) e di immobili produttivi (-3,8%). Questi alcuni dei dati contenuti nel “Rapporto immobiliare 2024. Immobili a destinazione terziaria, commerciale e produttiva”, realizzato dall’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle entrate con la collaborazione dell’Associazione italiana leasing (Assilea).

Il Rapporto immobiliare non residenziale 2024 analizza il mercato di negozi, uffici e capannoni industriali con riferimento al 2023, riporta i dati dello stock per ogni comparto e le relative quotazioni e si chiude con un approfondimento sulle dinamiche dei finanziamenti leasing immobiliari per le diverse tipologie di immobili non residenziali.

I negozi – Lo stock delle unità immobiliari censite in catasto nelle categorie C/1 e C/3, che comprende gli immobili a destinazione negozi e laboratori, conta nel 2023 oltre 2,5 milioni di unità sul territorio nazionale. Oltre un quarto del totale delle unità immobiliari si concentra al Sud (27,2%), seguito dal Nord Ovest (24%) e dal Centro (21,9%). Più di 40mila le unità scambiate nel 2023, in aumento di circa 1.800 unità rispetto al 2022 (+4,5%). I tassi di variazione più significativi si registrano nelle Isole: +8,3%. La quotazione media di riferimento, pari a livello nazionale a 1.426 euro/metro quadro, mostra nell’anno un incremento dello 0,6%.

Gli uffici – Nel 2023 risultano censite negli archivi catastali poco più di 628mila unità immobiliari della tipologia uffici, corrispondenti alla categoria catastale A/10 (uffici e studi privati). Poco più della metà dello stock di uffici si trova nelle aree del Nord (quasi il 53%), circa il 21% al Centro e il restante 26% è ripartito tra Sud e Isole. Quanto alle compravendite, dopo due anni di crescita nel 2023 scendono dell’1% rispetto al 2022, con 13.263 unità scambiate. In flessione anche la quotazione media del comparto, pari a 1.311 euro/metro quadro (-1,3% sul 2022).

Il settore produttivo  Nelle categorie D/1 e D/7, riconducibili in larga parte al settore produttivo, risultano censite in catasto quasi 822 mila unità, di cui quasi il 60% situate nell’area del Nord. Dopo la consistente ripresa rilevata nel 2021 e il rialzo del 2022, nel 2023 il mercato del settore produttivo registra una variazione negativa nel numero di transazioni (-3,8% rispetto all’anno precedente). La quotazione media annuale di riferimento risulta pari a 450 euro/metro quadro (-1% rispetto al 2022).

Il leasing immobiliare  Il leasing è un servizio finanziario che si rivolge principalmente al mondo delle imprese, soprattutto di dimensioni medio piccole. A fine 2023, il 9,7% delle imprese italiane aveva un contratto di leasing in essere mentre nel corso dello stesso anno sono stati stipulati 2.713 contratti per un valore di 2,8 miliardi di euro. Dopo il rallentamento osservato nel 2022 (-3,4%) il 2023 si è chiuso con uno +0,5% in termini di valore dei nuovi contratti, a fronte di una contrazione del numero di operazioni rispetto all’anno precedente (-13,8%). Se si fa focus sul “nuovo stipulato”, emerge la prevalenza degli immobili industriali, sia in valore sia in numero contratti, seguiti da quelli commerciali.

Check Also

Tutte le novità del decreto salva-Casa

Con 155 sì, 79 no e 9 astenuti, è stato approvato nei giorni scorsi alla …

 

Si avvisa che gli uffici Unsic della sede nazionale rimarranno chiusi per la pausa estiva dal 12 agosto al 30 agosto 2024.

 

Le attività riprenderanno regolarmente lunedì 2 settembre 2024.