venerdì , Agosto 19 2022
Home / Comunicazione / Primo piano / Psicologi, condizioni critiche in molti ambienti lavorativi

Psicologi, condizioni critiche in molti ambienti lavorativi

“La disciplina psicologica può e deve offrire oggi un sostegno determinante al mondo del lavoro. Gli psicologi del lavoro vogliono dare un segnale in linea con il Pnrr, al mondo produttivo ed ai decisori politici: non c’è rilancio senza investire sulle persone, noi siamo partner per il business che portano un know-how di competenze e soluzioni scientifiche per conseguire due risultati inscindibili, quello dell’efficienza e della produttività, ma anche quello della cura e del benessere delle persone a lavoro”.

E’ quanto ha affermato il presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine degli Psicologi, David Lazzari, intervenendo al convegno “Ripartire dalle persone, il contributo della psicologia al mondo del lavoro”, svoltosi al Cnel.

“La lunga e forzata convivenza con la pandemia da Covid-19 – ha aggiunto Lazzari – ha esacerbato condizioni critiche già presenti da tempo in molti contesti lavorativi e nel mercato del lavoro. Infatti il mondo produttivo pre-Covid mostrava già dei tratti critici che necessitavano un ammodernamento, che rappresentavano già delle sfide sulle quali focalizzare l’attenzione per avere così maggiori probabilità di successo nella prospettiva di una ripartenza globale dopo il periodo acuto della pandemia. Ora si sovrappone un ulteriore, rilevante stress, sulle spalle di aziende, lavoratrici e lavoratori. Speravamo fosse finita, ma invece arriviamo all’appuntamento con questa deprecabile guerra in una situazione di stanchezza psicologica che rende difficile farsi carico di un’altra emergenza. Tutto questo mette a repentaglio il nostro benessere”.


“E’ in un momento storico difficile come quello che stiamo affrontando che dobbiamo dotarci degli strumenti adatti per aiutare le persone a gestire meglio queste dinamiche. Non possiamo scappare dai problemi ma imparare ad affrontarli meglio e ad incrementare gli elementi positivi. La famosa ‘resilienza” non è invulnerabilità ma la capacità, che si impara, di rialzarsi, di gestire lo stress in modo efficace. Questo riguarda oggi gli individui, ma sicuramente anche le aziende che più che mai necessitano di visione, di speranza, di energia, ma anche di tecnica, di competenza e di metodo – ha concluso.

Check Also

Dl Aiuti bis: tutte le misure approvate

Foto: governo.it Approvato ieri giovedì 4 agosto durante la seduta del Consiglio dei ministri, il …