sabato , Giugno 15 2024
Home / Comunicazione / Primo piano / Welfare aziendale, i “fringe benefit” premiati dalla Finanziaria

Welfare aziendale, i “fringe benefit” premiati dalla Finanziaria

Il welfare aziendale vive un momento di particolare attenzione da parte del legislatore, ottenendo, allo stesso tempo, sempre più rilevanza tra le imprese italiane: la conferma arriva dalla Manovra finanziaria 2024, già anticipata dalla Nota di aggiornamento del documento di economia e finanza 2023 (Nadef). La Manovra punta a incidere, infatti, in larga parte, sulla riduzione del carico fiscale e del peso di tasse e contributi in busta paga dei lavoratori.  

Ecco, dunque, che una delle principali novità presenti nel DDL Bilancio consisterebbe nell’innalzamento della soglia di detassazione dei fringe benefit, dopo un biennio già caratterizzato da diverse oscillazioni. La cifra massima, infatti, aumenterebbe fino a mille euro per i lavoratori dipendenti, innalzandosi ulteriormente a duemila euro per i soli lavoratori con figli a carico. Proprio questi ultimi già hanno potuto godere, è bene ricordare, nel corso del 2023, di un sensibile aumento della soglia di esenzione fiscaleattualmente di tremila euro. Una misura, dunque, che si tradurrebbe in un aumento tangibile del potere di acquisto dei lavoratori beneficiari di tali benefit, offrendo loro un sollievo concreto all’interno di un contesto economico spesso impegnativo. 

In prossimità delle festività natalizie, in particolare, gli italiani si troveranno ad affrontare le consuete spese per regali e presenti, e i fringe benefit potranno contribuire a sostenere tali spese nell’immediato. 

In particolar modo, i buoni acquisto, essendo flessibili, semplici da utilizzare e in grado di accontentare tutti i gusti e le esigenze dei dipendenti, costituiscono il regalo ideale per il Natale da parte delle imprese ai propri collaboratori; questi ultimi potranno infatti essere gratificati con un regalo ad alto valore percepito.  

buoni acquisto sono, infatti, notoriamente uno strumento particolarmente apprezzato dai lavoratori. Secondo un’indagine condotta da Harris Interactive[1] per Sodexo Benefits and Rewards Services Italia -da ottobre 2023 Pluxee Italia -,  tra i benefit aziendali disponibili, i lavoratori italiani prediligono in maggioranza premi immediati o voucher welfare come appunto i buoni acquisto (il 36 per cento), seguiti dai buoni pasto (30 per cento), bonus a lungo termine (24 per cento) e assicurazione medica (23 per cento).  

Essendo comodi e facilmente fruibili, questi strumenti di welfare consentono di essere utilizzati nella maniera più efficiente e apprezzata dai dipendenti. Non ultimo, l’aspetto della digitalizzazione, che contribuisce alla facilità e molteplicità di utilizzo: infatti, ai beneficiari dei buoni acquisto è lasciata una totale libertà di scelta, che consente loro di selezionare i  prodotti e/o i servizi che meglio soddisfano le proprie esigenze personali e di decidere se effettuare gli acquisti nei negozi fisici o online, anche tramite smartphone, tra una serie di 20mila punti vendita. 

La diffusione dello shopping online potenzia ulteriormente il valore dei buoni acquisto: nel 2023, infatti, secondo le evidenze emerse dall’ Osservatorio e-Commerce B2c[2], gli acquisti online in Italia hanno registrato un aumento del 13 per cento rispetto all’anno precedente, superando i 54,2 miliardi di euro e coinvolgendo un totale di 33 milioni di consumatori digitali italiani.  

Inoltre, i buoni acquisto costituiscono uno strumento interessante anche per le imprese, che potranno usufruire del vantaggio della detassazione per venire incontro alle esigenze dei dipendenti in maniera semplice ed efficace.  

“Le misure intraprese all’interno della Manovra Finanziaria in materia di welfare aziendale rappresentano un segnale forte e positivo, testimoniando la consapevolezza delle istituzioni sull’importanza dei fringe benefit nel fornire un mezzo immediato che aiuti concretamente lavoratori e famiglie – commenta Anna Maria MazziniChief Growth Officer di Pluxee Italia. “Ci auguriamo che tali misure divengano stabili, per poter consentire una pianificazione efficace da parte delle imprese. Essendo i buoni acquisto, strumenti detassati, facilmente fruibili e digitalizzati, consentono di venire incontro alle necessità delle imprese, soddisfacendo nel contempo le esigenze dei lavoratori, che potranno scegliere tra un’infinità di opzioni”.


[1] Fonte: Harris Interactive per Sodexo Benefits and Rewards Services, 2021 

[2] Fonte: Politecnico di Milano, Osservatorio e-Commerce B2c, 2023 

Check Also

Occupazione, nel primo trimestre 2024 75mila nuove unità

Nel primo trimestre 2024 gli occupati sono aumentati di 75 mila nuove unità (più 0,3 …