mercoledì , Aprile 17 2024
Home / Comunicazione / Riforma copyright: Ue mercoledì vota su censura

Riforma copyright: Ue mercoledì vota su censura

Una regolamentazione per far pagare ai colossi del web i diritti d’autore ai fornitori di contenuti sui materiali diffusi e per accrescerne le responsabilità. Mercoledì 12 settembre, alla plenaria di Strasburgo, il Parlamento europeo tornerà a votare la direttiva sul diritto d’autore, che sta scatenando infuocati dibattiti. Giornalisti, scrittori, registi e altri autori sono sul piede di guerra perché vogliono l’approvazione di una direttiva essenziale per la difesa del diritto d’autore.

Il Parlamento comunitario aveva già respinto a luglio il via libera al mandato negoziale, facendo slittare il verdetto alla riunione di mercoledì. E se lo squilibrio tra i giganti del web e i piccoli editori è lampante e semina crescenti preoccupazioni per il futuro della stampa libera, soprattutto legandolo al tema delle entrate pubblicitarie, i colossi multinazionali delle nuove tecnologie non ci stanno. “Internet aperto ha eliminato le barriere dei media tradizionali e dato spazio ad una nuova economia creativa, dando la possibilità a chiunque con una idea di condividerla e iniziare un business – ha scritto Robert Kyncl, chief business officer di YouTube, in un post ufficiale. “Questo potrebbe essere a rischio con il voto dell’Europarlamento – ha aggiunto. “Le proposte in campo e in particolare l’articolo 13, minano l’economia creativa, scoraggiando le piattaforme a ospitare contenuti generati dagli utenti”.

L’articolo 13 della direttiva sposta l’onere della responsabilità per le violazioni del diritto d’autore alle piattaforme.

Replica l’Afp, sostenendo che i big di internet “da una parte utilizzano, senza pagare, grandi quantità di notizie prodotte a un costo alto e d’altra parte attraggono una quota crescente delle risorse pubblicitarie che in precedenza permettevano ai media di vivere”. Le conseguenze le pagano le redazioni con i tagli ormai continui al personale.

Intanto un’indagine – “Copyright & US Tech Giants” – ha raccolto l’opinione dei cittadini dell’Unione europea sull’argomento. Condotta da Harris Interactive su 6.600 cittadini europei, presenta un risultato netto: a favore della riforma l’89% per cento degli italiani, dato maggiore rispetto alla media europea che arrivata comunque all’87 per cento.

(Gia.Cas.)

Check Also

G7, presentato il vertice di Venaria su clima, energia ed ambiente

Si terrà i prossimi 29 e 30 aprile, presso a Venaria Reale (Torino), la  riunione …