mercoledì , Giugno 19 2024
Home / Comunicazione / Unsic per il territorio / Bari, firmato protocollo d’intenti tra Unsic e Camera di commercio italo orientale

Bari, firmato protocollo d’intenti tra Unsic e Camera di commercio italo orientale

Si è svolto a Bari un incontro molto significativo per discutere della necessità di rivolgere oggi una particolare attenzione alle migliaia di imprese italiane che hanno le caratteristiche e il potenziale giusto per essere presenti sui mercati internazionali. Da una recente stima risulta che in Italia siano 70.000e ben 4.000 in Puglia, con un potenziale complessivo sfruttabile dell’export aggiuntivo ottenibile, oltre quello attuale, che solo in Asia supera i 4 miliardi di euro e in Puglia vale ben 600 milioni.

Da questa esigenza nasce il protocollo di intenti sottoscritto a Bari dall’Unione nazionale sindacale imprenditori e coltivatori e la Camera di commercio italo orientale, per promuovere la formazione e lo sviluppo delle competenze necessarie per rapportarsi efficacemente sui mercati globali. Nel corso dell’incontro la presidente provinciale dell’Unsic di Bari Maria Nardone ha sottolineato l’importanza di adottare strategie di espansione efficaci, in questo particolare momento storico caratterizzato da gravi rischi geopolitici, e del ruolo fondamentale delle politiche pubbliche nel sostenere l’internazionalizzazione delle imprese italiane, attraverso nuovi incentivi che facilitino le procedure burocratiche relative all’export e il sostegno finanziario alla promozione e alla ricerca di nuovi mercati. “È fondamentale che le aziende pianifichino attentamente il loro percorso di internazionalizzazione considerando fattori come le condizioni di mercato, la concorrenza, le barriere commerciali e le risorse finanziarie disponibili”, ha spiegato il presidente della Camera di commercio italo orientale Antonio Barile.

L’evento è stato sponsorizzato anche da due aziende agricole pugliesi in forte espansione, che hanno presentato i loro prodotti: “L’azienda agricola Fiore, a conduzione familiare fin da lontano 1868, nasce dal desiderio di coltivare un rapporto diretto con la natura e i suoi frutti, inserendola produzione di nobili vini nelle proprie attività. Un amore per la terra che ho coltivato fin da bambino e che oggi ci porta ad esportare i nostri prodotti anche in America e in Romania, dove sono molto apprezzati”, spiega Raffaele Fiore, responsabile attuale dell’azienda di famiglia, insieme ai fratelli Giacomo e Filippo.

Presente anche Domenico Laddaga, responsabile commerciale dell’azienda agricola Donna Maddalena, che gestisce insieme al fratello Simone: “La nostra produzione si basa fondamentalmente su prodotti a chilometro zero come frutti di bosco, olio, legumi, che mantengono tutta la loro genuinità attraverso il processo biologico. Quest’anno, per esempio, abbiamo prodotto un olio di ottima qualità con contenuti di polifenoli molto alti. La nostra azienda, da un paio d’anni, oltre a produrre materia prima per venire incontro alle richieste di mercato, ha cominciato a trasformare i prodotti creando un proprio laboratorio di trasformazione. Per quanto riguarda il mercato estero siamo presenti in Svizzera, Belgio e Lussemburgo, ma al momento non in termini significativi. Ritengo vi sia una grossa fetta di mercato da sfruttare anche qui in Italia, e in particolare vicino a noi, e che si possa guardare con fiducia anche al nostro territorio nazionale”.

(articolo pubblicato dal Quotidiano di Bari mercoledì 22 maggio 2024)

Check Also

enasc croazia

Croazia, Parenzo: inaugurata la nuova sede Enasc

Inaugurata la nuova sede del patronato Enasc in Croazia, a Parenzo, in croato Poreč, cittadina …