domenica , Luglio 14 2024
Home / Comunicazione / Unsic per il territorio / Lecce, consorzi di bonifica, non giustificati gli avvisi di pagamento

Lecce, consorzi di bonifica, non giustificati gli avvisi di pagamento

Lecce

Gli avvisi di pagamento per il contributo di bonifica terreni (codice 630) e per il contributo di manutenzione degli impianti di irrigazione (codice 648) che i proprietari di terreni agricoli continuano a ricevere da parte dei consorzi di bonifica mettono in seria crisi tutto il comparto agricolo. Questo potrebbe essere il definitivo colpo del k.o. ad un settore già penalizzato dalla malattia degli olivi “xylella”.

La presidenza provinciale Unsic di Lecce, che già in passato aveva chiesto una radicale riforma dei consorzi di bonifica, si è opposta al pagamento di tali tributi, attivando presso le proprie sedi comunali e zonali il servizio a difesa dei cittadini per la presentazione del ricorso avverso i suddetti avvisi di pagamento con richiesta di annullamento, ritenendoli privi di fondamento e nulli in quanto privi dei necessari elementi di verifica.

Al governo regionale, già prima dell’estate, l’Unsic ha chiesto un immediato e definitivo intervento affinché i consorzi di bonifica cominciassero a programmare e progettare opere di bonifica.

“Non è possibile chiedere il pagamento di tributi consortili senza far conoscere nel dettaglio i servizi effettivamente resi e la loro concreta utilità – ha scritto il presidente provinciale dell’Unsic Peppino De Luca, investendo del problema direttamente la Regione Puglia, Dipartimento Agricoltura, Sviluppo rurale ed ambientale.

La giurisprudenza, come ricorda De Luca, con diverse sentenze ha statuito che in tali avvisi, per giustificare la richiesta di pagamento del tributo, dovevano essere specificati gli interventi effettuati ed i relativi benefici subiti dagli immobili. La Corte costituzionale, con sentenza n. 188 del 10 ottobre 2018, ha stabilito che “nel caso dei contributi consortili di bonifica, il beneficio per il consorziato-contribuente deve necessariamente sussistere per legittimare l’imposizione”. La Commissione Tributaria Provinciale di Lecce con sentenze del 2019 e del 2020 ha accolto i ricorsi dei ricorrenti annullando i relativi avvisi di pagamento.

La Regione Puglia, con protocollo AOO_0180/061720 del 25 ottobre 2023, a firma del funzionario istruttore ing. Vincenzo Lopopolo e della dirigente di sezione Rosella Anna Maria Giorgio, attesta di aver ricevuto la nota dell’Unsic il 28 settembre 2023 (acquisita con protocollo n. 08983 del 12 ottobre 2023) e di averla inoltrata al Consorzio di Bonifica Ugento e Li Foggi.

“È assurdo pensare che un cittadino debba pagare un contributo di bonifica del terreno dove non risulta essere stata effettuata alcuna bonifica – sottolinea il presidente De Luca. “Riteniamo che tenuto conto dell’importo riportato sull’avviso di pagamento il cittadino può presentare una prima istanza in autotutela direttamente alla direzione del consorzio, eventuale ricorso al giudice di pace oppure avverso le cartelle esattoriali alla commissione tributaria. Tutti i sindaci della provincia sono invitati a far sentire la loro voce in difesa dei propri concittadini. Il sindacato Unsic chiama tutti gli agricoltori alla mobilitazione contro gli avvisi di pagamento, per una concreta riforma dei consorzi di bonifica”.

Check Also

case

Unsicasa, al servizio dei proprietari di immobili e degli amministratori di condominio

Da anni al servizio degli interessi della proprietà edilizia Unsicasa – Associazione nazionale proprietari immobiliari, …