sabato , Settembre 25 2021
Home / Comunicazione / Unsic per il territorio / Paraolimpiadi Tokyo: la calabrese Enza Petrilli è medaglia d’argento nel tiro con l’arco

Paraolimpiadi Tokyo: la calabrese Enza Petrilli è medaglia d’argento nel tiro con l’arco

La calabrese Enza Petrilli sale sul podio delle Paraolimpiadi di Tokyo, conquistando la medaglia d’argento nel tiro con l’arco ricurvo femminile classe open categoria W2.

Per la 31enne di Taurianova, tesserata per l’Aida Onlus e da sempre vicina all’Unsic come testimonial Enuip (ente di formazione del sindacato) per il servizio civile universale, è un secondo posto che sa di oro:  non solo perché è la sua prima partecipazione in assoluto a questa manifestazione (seconda gara internazionale dopo il bronzo conquistato al Para-Archery European Cup, in Repubblica Ceca) ma soprattutto perché l’argento arriva dopo una gara combattuta fino all’ultima freccia, dove la Petrilli si è dovuta arrende per 5-6 a una immensa Zahra Nemati, l’iraniana che porta a casa la sua terza medaglia d’oro vinta in altrettante edizioni consecutive dei Giochi.

Dopo lo splendido argento della reggina Anna Barbaro nel triathlon, arriva così un’altra grande soddisfazione per la Calabria ma soprattutto per Enza Petrilli che adesso si gode meritatamente un successo fatto di duro lavoro e tanto sacrificio.

Per la Petrilli quello di Tokyo è il coronamento di un percorso sportivo iniziato dopo un brutto incidente stradale nel 2016 che l’ha costretta sulla sedia a rotelle, obbligandola a dare il via ad una seconda vita. Nei mesi trascorsi ad Imola per la riabilitazione, Enza si è avvicinata subito allo sport, provando tennis, basket in carrozzina e la scherma.

Poi è arrivato il tiro con l’arco. Enza comincia cosi a gareggiare e a vincere, facendo di arco e freccia un prolungamento del suo corpo: “Lo sport ti dà libertà e ti fa capire che non è finita. Poi nel mio settore, gareggiando insieme alle persone normodotate non ti senti inferiore ma normale come tutti. Grazie a Reno Insardà e la sua associazione Aida, sono entrata in contatto con questa disciplina ed è stato vero amore. Da quel momento non me ne sono più allontanata”.

Ed è proprio Insardà, presidente dell’Enuip e dell’Aida, a non contenere la gioia per questo risultato: “Fiero ed orgoglioso di aver un team di tutto rispetto. Siamo la società più giovane della Calabria e la più vincente. Lavoriamo con grande sacrificio e professionalità ed alla fine i risultati ci premiano: l’Asd Aida sezione tiro con l’arco in carrozzina è abituata a vincere ed a sfornare atleti di valore: costituita a fine 2012 già nel 2013 e 2015 si aggiudica i campionati italiani di Zola Pedrosa (Bo) dal 2018 Enza Petrilli è andata ogni anno a podio ai campionati italiani conquistando 4 argenti ed un bronzo. Come presidente Enuip sono felicissimo di avere Enza Petrilli come testimonial per il servizio civile universale. Centinaia di ragazzi hanno avuto il piacere di conoscerla durante gli incontri avuti in sede, apprezzando la storia e le qualità umane di questa giovane ragazza. Qualcuno aveva ipotizzato l’esplosione sportiva di Enza, ed i tanti messaggi che mi arrivano dai giovani ormai ex volontari significa che ha lasciato il segno”.

Check Also

Reggio Emilia

Reggio Emilia: Unsic e Nigeria avviano progetto “mini-consolato”

Unsic e Nigeria insieme per la tutela dei cittadini nigeriani residenti in Italia. Ha preso …