sabato , Luglio 13 2024
Home / Archivio notizie / Oltre frontiera / Ue-Tunisia: firmato l’accordo su migranti, economia e rinnovabili

Ue-Tunisia: firmato l’accordo su migranti, economia e rinnovabili

Dopo tanta attesa, è arrivata ieri domenica 16 luglio la firma del Memorandum d’intesa sul partenariato strategico fra Tunisia e Unione europea. Firmatariper l’Ue Ursula von der Leyen, presidente della Commissione Europea, Giorgia Meloni e Mark Rutte, premier olandese, mentre per lo Stato africano Kaïs Saïed, presidente della Tunisia.

L’accordo è condizionato dal prestito di 1,9 miliardi di euro da parte del Fondo monetario internazionale, che ha però chiesto a Saied profonde riforme per sbloccarlo. Nel corso dell’incontro il presidente tunisino ha avanzato la richiesta di trovare forme di collaborazione alternative al Fondo monetario.

Secondo quanto riportato dalla stampa, “le trattative tra Saied e Fmi sono a ferme a causa delle condizioni poste al prestito, ovvero una serie di riforme che porterebbero al licenziamento di dipendenti pubblici e allo stop a misure di sostegno su carburanti e alimenti per la popolazione. La posizione dell’Ue fino a pochi mesi fa era di attendere il via libera del Fmi prima di inviare nuovi fondi a Tunisi”.

Il Memorandum affronta diversi aspetti che interessano congiuntamente Ue e Tunisia, con l’obiettivo di rafforzare la loro partnership economica e commerciale, in vista di sostenere le riforme economiche decise dalla Tunisia e sostenere la cooperazione per combattere e ridurre i flussi migratori irregolari e salvare vite umane.

Stabilità macroeconomica – L’Unione europea si impegna, conformemente alla normativa e alla prassi decisionale in materia, ad assistere la Tunisia nei suoi sforzi per rilanciare la crescita economica con l’obiettivo di stabilire un modello di sviluppo sostenibile e inclusivo, attraverso politiche adeguate, comprese le riforme socio-economiche progettato dalla Tunisia. L’attuazione di questo approccio sarà discussa durante il terzo trimestre del 2023. L’Unione europea sosterrà le riforme, in particolare attraverso il sostegno al bilancio, il cui importo, per l’anno 2023, sarà pagato integralmente.

Migrazione e mobilità – Entrambe le parti sottolineano l’intenzione di sviluppare un approccio olistico alla migrazione. Concordano sul fatto che la migrazione debba essere intesa dal nesso migrazione/sviluppo, consentendo di evidenziare i vantaggi della migrazione in termini di sviluppo economico e sociale, avvicinando le persone e affrontando le cause profonde della migrazione irregolare. A questo proposito, le due parti convengono di promuovere lo sviluppo sostenibile nelle aree svantaggiate ad alto potenziale migratorio, sostenendo l’emancipazione e l’occupabilità dei tunisini in situazioni vulnerabili, in particolare attraverso il sostegno alla formazione professionale, all’occupazione e all’iniziativa privata. Le due parti hanno anche come priorità comuni la lotta contro l’immigrazione irregolare al fine di evitare la perdita di vite umane, nonché lo sviluppo di canali legali per la migrazione. La Tunisia ribadisce la sua posizione di non essere un Paese di insediamento per migranti irregolari. Riafferma inoltre la sua posizione di mantenere solo i propri confini. Questo approccio si baserà sul rispetto dei diritti umani e includerà la lotta contro le reti criminali di trafficanti di migranti e trafficanti di esseri umani, nel quadro del partenariato operativo rafforzato contro il traffico di migranti e la tratta di esseri umani, annunciato nell’aprile 2023 e il cui contenuto è in discussione, un’efficace gestione delle frontiere, lo sviluppo di un sistema per l’identificazione e il rimpatrio dei migranti irregolari già presenti in Tunisia nei loro paesi di origine.

Le due parti interessate dall’accordo unitamente convengono di continuare a lavorare insieme per affrontare le sfide poste dall’aumento della migrazione irregolare in Tunisia e nell’Ue, riconoscendo gli sforzi compiuti ei risultati conseguiti dalle autorità tunisine. Convengono di adoperarsi per migliorare ulteriormente il coordinamento delle operazioni di ricerca e salvataggio in mare e l’attuazione di misure efficaci per combattere il traffico di migranti e la tratta di esseri umani. L’Unione europea si adopera per fornire un adeguato sostegno finanziario aggiuntivo, in particolare per gli acquisti, la formazione e il supporto tecnico necessari per migliorare ulteriormente la gestione delle frontiere tunisine. Le due parti convengono di sostenere ulteriormente il rimpatrio e la riammissione dall’Ue dei cittadini tunisini in situazione irregolare, nel rispetto del diritto internazionale, della loro dignità e dei diritti acquisiti, e si impegnano a collaborare per il loro reinserimento socio-economico. in particolare contribuendo a creare progetti economicamente sostenibili che abbiano un impatto sullo sviluppo locale e sulla creazione di posti di lavoro.

L’Ue sosterrà e faciliterà l’attuazione del presente memorandum d’intesa anche in contesti bilaterali con gli Stati membri in materia di rimpatri e riammissioni. Le due parti concordano inoltre di sostenere il ritorno dei migranti irregolari in Tunisia nei loro paesi di origine nel rispetto del diritto internazionale e della loro dignità. Entrambe le parti concordano di promuovere percorsi legali per la migrazione, comprese opportunità di lavoro stagionale, per stimolare la mobilità internazionale a tutti i livelli di competenza, nonché per rafforzare la cooperazione sullo sviluppo delle competenze in modo reciprocamente vantaggioso. L’Unione europea si sta adoperando per adottare misure adeguate per facilitare la mobilità legale tra le due parti, anche facilitando la concessione dei visti riducendo i ritardi, i costi e le procedure amministrative.

Entrambe le parti concordano di lavorare per l’attuazione di un Talent Partnership per promuovere la migrazione legale, nell’interesse comune, sulla base delle reciproche esigenze della Tunisia e degli Stati membri dell’Ue, a beneficio dei settori di attività e delle professioni individuati congiuntamente.

Riunire le persone – Le parti intendono continuare a cooperare per rafforzare la società civile, promuovere il dialogo interpersonale e potenziare gli scambi culturali, scientifici e tecnici, anche attuando il partenariato congiunto 2016 sulla gioventù e altri programmi nei settori della ricerca, dell’istruzione, della cultura e giovani, compreso lo sviluppo delle competenze e la mobilità. L’Ue valuta la possibilità di un ulteriore sostegno in questi settori, in particolare per la formazione tecnica e professionale nel contesto dei programmi di mobilità e per rafforzare le competenze della forza lavoro tunisina al fine di sostenere lo sviluppo economico della Tunisia a livello nazionale, regionale e locale. L’Ue si adopera per proseguire gli sforzi volti ad armonizzare meglio le pratiche degli Stati membri per il rilascio di visti Schengen per soggiorni di breve durata a cittadini tunisini attraverso il meccanismo di coordinamento locale di Schengen. Ciò può anche tradursi in una maggiore cooperazione nei settori dell’istruzione, della ricerca e dell’innovazione, compreso il potenziale sostegno per una maggiore partecipazione a programmi dell’Ue come Orizzonte Europa (con la possibilità di rafforzare il sostegno europeo al programma e la cooperazione Ue-Tunisia nella ricerca e nell’innovazione), Erasmus+ (per il quale l’Ue cercherà di mobilitare risorse aggiuntive) e Europa creativa.

Economia e commercio – Le parti si adoperano per rafforzare la loro cooperazione economica e commerciale al fine di sviluppare gli scambi di beni e servizi, instaurare un clima imprenditoriale favorevole e attraente nonché investimenti e sviluppo sostenibile. Le due parti si adoperano per attuare azioni volte a promuovere e rafforzare la modernizzazione del quadro delle relazioni commerciali e di investimento tra l’Unione europea e la Tunisia al fine di migliorare le condizioni di accesso al mercato. Mirano a individuare opportunità di investimenti pubblici, partenariati pubblico-privati e progetti privati, anche nell’ambito del Fondo europeo per lo sviluppo sostenibile (EFSD+), nei settori della competitività e dello sviluppo del settore privato, della modernizzazione dei circuiti di distribuzione e della sorveglianza del mercato, dell’accesso ai finanziamento, acqua e agricoltura sostenibile, tecnologie pulite e/o nel quadro di un’economia circolare, energie rinnovabili, preparazione alla produzione di idrogeno rinnovabile e all’integrazione in settori strategici delle catene del valore dell’Ue, in settori strategici con un elevato potenziale di esportazione.

Transizione energetica verde – Consapevoli del potenziale della Tunisia in termini di energie rinnovabili e nell’interesse comune di garantire una maggiore sicurezza in termini di produzione e approvvigionamento di energia tra le due parti, la Tunisia e l’Unione europea stanno lavorando per concludere un partenariato strategico nel campo dell’energia, rafforzando così crescita verde e creazione di posti di lavoro. Questo partenariato strategico contribuirà a rafforzare la sicurezza dell’approvvigionamento energetico ea fornire ai cittadini e alle imprese energia a basse emissioni di carbonio a prezzi competitivi. Mirerà inoltre a rafforzare l’infrastruttura di rete in Tunisia, compresa la rete intelligente. Entrambe le parti cercano di rafforzare la loro cooperazione al fine di attuare gli impegni della Tunisia ai sensi dell’accordo di Parigi, compreso il suo contributo determinato a livello nazionale e la sua strategia nazionale per lo sviluppo a emissioni zero e la resilienza ai cambiamenti climatici entro il 2050 nei settori della mitigazione e dell’adattamento ai cambiamenti climatici. Le parti si adoperano per potenziare la produzione di idrogeno rinnovabile e dei suoi sottoprodotti, compresa l’ammoniaca, in Tunisia, che potrebbe servire il suo mercato interno e la domanda internazionale, tenendo conto della necessità di proteggere le sue risorse idriche. Le parti intendono esplorare la possibilità di rafforzare la cooperazione sulle catene di approvvigionamento di tecnologie per l’energia pulita e la generazione di energia in modo reciprocamente vantaggioso. Le parti convengono che gli obiettivi del partenariato strategico per l’energia richiedono la mobilitazione su larga scala di strumenti finanziari mirati, comprese le garanzie, accompagnata da opportune riforme che portino a un quadro normativo favorevole, trasparente, stabile e prevedibile, per attrarre gli investimenti e lo sviluppo commerciale in Il settore delle energie rinnovabili in Tunisia.

Check Also

Catalogna, dichiarato lo stato di emergenza per siccità

È una siccità senza precedenti quella che sta colpendo la Catalogna, tanto che ieri, 1° …