giovedì , Maggio 30 2024
Home / Archivio notizie / Oltre frontiera / WTO e FIFA: il calcio e il cotone come motore di sviluppo economico e sociale

WTO e FIFA: il calcio e il cotone come motore di sviluppo economico e sociale

Foto: wto.org

WTO – World Trade Organization, Organizzazione mondiale del commercio e FIFA insieme al lavoro per esaminare come il commercio internazionale e il calcio possono fungere da catalizzatori per la crescita economica e l’inclusione sociale. La collaborazione, esplicitata in un memorandum d’intesa firmato dal direttore generale del WTO Ngozi Okonjo-Iweala e dal presidente della FIFA Gianni Infantino, mira a promuovere sinergie in relazione alla dimensione economica dello sport e dell’empowerment, in particolare per i paesi in via di sviluppo e donne. Elemento centrale dell’accordo la cooperazione nell’ambito del programma del WTO sul cotone.

Le due organizzazioni hanno concordato di lavorare congiuntamene allo sviluppo di pubblicazioni, compreso uno studio congiunto sull’impatto economico del calcio e il suo ruolo nello sbloccare il potenziale di crescita economica globale, ed esploreranno le opzioni per lo sviluppo di attività di rafforzamento delle capacità che sostengano l’uso di il calcio come strumento di emancipazione femminile, specialmente nei paesi in via di sviluppo.

“Sono davvero entusiasta della prospettiva di collaborare con la FIFA per cercare di utilizzare il settore del cotone in modo positivo per i paesi in via di sviluppo come Cotton 4 – ha commentato il direttore generale del WTO Ngozi Okonjo-Iweala. “Spero che la collaborazione possa aiutarci a coinvolgere questi paesi nella catena commerciale mondiale del cotone. Sono anche entusiasta della prospettiva di poter lavorare sul potenziamento di genere”.

“La FIFA ridistribuisce le sue entrate tra le nostre 211 federazioni affiliate per aiutarle a sviluppare il calcio nei loro paesi – ha spiegato il presidente FIFA Gianni Infantino – investendo in particolare in infrastrutture, strutture, competizioni, arbitrati e allenatori. Tuttavia, crediamo che ci sia ancora di più che il calcio può fare, soprattutto per i giovani nei paesi in via di sviluppo. Questa importante partnership può aiutarci a trovare il modo di garantire che il calcio possa promuovere ulteriormente lo sviluppo sostenibile affinché tutti traggano vantaggio dall’economia calcistica mondiale”.

Check Also

Catalogna, dichiarato lo stato di emergenza per siccità

È una siccità senza precedenti quella che sta colpendo la Catalogna, tanto che ieri, 1° …