domenica , Luglio 21 2024
Home / Archivio notizie / Omaggi ai Borghi d'Italia / Prima assemblea della Rete dei Comuni Sostenibili

Prima assemblea della Rete dei Comuni Sostenibili

Sindaci, amministratori locali, dirigenti di quasi 80 comuni a confronto con rappresentanti del governo, delle istituzioni, del terzo settore e dell’associazionismo, per promuovere le buone pratiche di sostenibilità ambientale, sociale, culturale ed economica. È in programma il 2 e 3 marzo a Roma, nelle sale del Teatro dei Ginnasi (via delle Botteghe Oscure 42), la prima assemblea nazionale della Rete dei Comuni Sostenibili, un progetto innovativo e concreto che accompagna le amministrazioni locali alla territorializzazione e al raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

L’iniziativa è sostenuta dall’azienda “Parking My Car”. Si discuterà di temi di attualità legati alla sostenibilità, al monitoraggio volontario del progetto della Rete, con un particolare riferimento alla Carta dei Comuni Sostenibili e alle politiche per l’attuazione dell’Agenda 2030: il tutto attraverso le esperienze dei comuni aderenti e le partnership. Sarà l’occasione per consegnare per la prima volta ai comuni che hanno ottenuto il Rapporto di Sostenibilità la “Bandiera Sostenibile”. Saranno inoltre consegnate due targhe speciali all’istituto comprensivo di Cappella Maggiore (in provincia di Treviso) e a quello di Montecastrilli (in provincia di Terni), il “Tenente Franco Petrucci”, per il coinvolgimento degli studenti in progetti virtuosi di sostenibilità, considerati buone pratiche dall’associazione.In un solo anno e mezzo di attività sono circa 80 i comuni e le città di tutta Italia aderenti alla Rete, di qualsiasi dimensione in termini di popolazione, collocazione geografica e anche di diverso colore politico dell’amministrazione.

Nei lavori dell’assemblea sarà modificato lo statuto dell’associazione per consentire l’adesione come soci anche a città metropolitane, province e regioni (oggi l’associazione è aperta solo a comuni e unioni di comuni). Alla manifestazione possono partecipare anche sindaci e amministratori di realtà pubbliche non ancora aderenti ma interessate al progetto (info iscrizionehttps://forms.gle/6Wh359zxpgzsBMd18   “Senza il protagonismo dei comuni, dei sindaci, degli amministratori locali – sottolinea il presidente della Rete Valerio Lucciarini De Vincenzi – non è possibile realizzare davvero gli obiettivi di sostenibilità. Senza i territori e i loro protagonisti è molto difficile essere efficaci sui territori e i temi su cui ci spendiamo faticano ad avere una presa cosciente e concreta. In due anni la nostra associazione è riuscita a crescere come mai nessun’altra realtà associativa di settore aveva fatto, confermando che l’appello universale ai principi della vivibilità e del benessere reale, equo, solidale, ha toccato le sensibilità di coloro che hanno la responsabilità di scegliere e pianificare. Per quanto riguarda il monitoraggio dei comuni, tutto il lavoro fatto sarà oggetto durante l’assemblea di un panel dedicato: sono felice di rimarcare come sia stato messo sotto osservazione dal Centro Unico di Ricerche della Commissione Europea. Un’attenzione che ci rende orgogliosi. Un’apertura di credito non scontata, frutto della qualità delle nostre attività. Abbiamo saputo di essere tra le realtà più avanzate in Europa rispetto al monitoraggio di livello comunale degli obiettivi di sostenibilità. E che possiamo essere da esempio per altri paesi europei”. 

Il programma completo e aggiornato si trova sul sito della Rete dei Comuni Sostenibili: https://www.comunisostenibili.eu/2023/02/18/le-anticipazioni-del-programma-dellassemblea-nazionale-rcs/

Cos’è la Rete dei Comuni Sostenibili

La Rete dei Comuni Sostenibili è un’associazione nazionale senza scopo di lucro aperta all’adesione di tutti i comuni italiani e unioni di comuni, a prescindere dalla dimensione, collocazione geografica e colore politico dell’amministrazione comunale.L’associazione promuove politiche per la sostenibilità ambientale, sociale, culturale ed economica, con un progetto innovativo e concreto, valorizzando le buone pratiche e accompagnando le amministrazioni locali alla territorializzazione e al raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030.È nata nel 2021 su iniziativa dell’associazione delle Autonomie Locali Italiane (ALI), Città del Bio e Leganet, in collaborazione con ASviS, l’Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile e in sinergia con il Joint Research Center della Commissione europea.Nel primo anno e mezzo di attività hanno aderito già 80 comuni e città ed è in costante espansione con oltre 300 manifestazioni d’interesse. Rete Comuni sostenibili https://www.comunisostenibili.eu/Facebook, Instagram, Twitter e LinkedIn @retecomunisostenibiliCanale Telegram @comunisostenibili

Check Also

Cortina: no alla pista da bob da parte di associazioni ambientaliste

Una sola offerta è stata presentata lo scorso 18 gennaio alla gara di appalto della nuova …

 

Si avvisa che gli uffici Unsic della sede nazionale rimarranno chiusi per la pausa estiva dal 12 agosto al 30 agosto 2024.

 

Le attività riprenderanno regolarmente lunedì 2 settembre 2024.