lunedì , Luglio 22 2024
Home / Archivio notizie / Saperi / Mobilità attiva, solo 4 italiani su 10 la praticano

Mobilità attiva, solo 4 italiani su 10 la praticano

I benefici della mobilità attiva sono ormai noti da anni. Essa consiste principalmente nel camminare o utilizzare la bici nei propri spostamenti quotidiani, ma vede una diffusione crescente anche di altre modalità, come l’uso di skateboard o rollerblade.

Oltre a permettere di raggiungere i livelli di attività fisica raccomandati dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), molti studi hanno dimostrato come la mobilità attiva diminuisca la mortalità, riduca il rischio cardiovascolare, di diabete e l’insorgenza di altre malattie croniche, migliorando lo stato di salute fisico generale e favorendo anche la salute mentale.

Inoltre, non utilizzando mezzi motorizzati, rappresenta una modalità di spostamento sostenibile, che permette di ridurre le emissioni e i tassi di inquinamento.

I benefici, dunque, sono davvero numerosi, tanto che la promozione della mobilità attiva è entrata ormai da tempo nelle agende dei decisori a tutti i livelli, sia globale, nell’ambito dei Sustainable development goals (Obiettivi di sviluppo sostenibile), sia dei singoli Paesi, con investimenti e politiche pubbliche che mirano ad incrementare i livelli di mobilità attiva nella popolazione generale.

In Italia, tuttavia, nel biennio 2021-2022, solo il 42 per cento degli adulti tra i 18 e i 69 anni ha dichiarato di andare a piedi o utilizzare la bici per gli spostamenti abituali, come recarsi a scuola o a lavoro. Trend che peraltro risulta in calo rispetto al 2017-2022. È quanto rilevato dalla Sorveglianza passi del Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute (Cnapps) dell’Istituto superiore di sanità (Iss).

Grazie alla mobilità attiva, il 19 per cento degli intervistati risulta fisicamente attivo in quanto raggiunge i livelli di attività fisica raccomandati dall’Oms di almeno 150 minuti a settimana di attività moderata, mentre il 23 per cento risulta parzialmente attivo perché si sposta a piedi o in bicicletta ma lo fa per meno di 150 minuti a settimana. Il restante 58 per cento della popolazione, invece, si sposta con veicoli a motore (privati o pubblici) senza o con trascurabili tragitti a piedi o in bicicletta.

In particolare, i migliori tassi di mobilità attiva sia a piedi che in bici si riscontrano in Veneto (52,6 per cento), Piemonte (52,2 per cento), e nelle province di Bolzano (56,5 per cento) e Trento (54,3 per cento). A queste si aggiungono quattro regioni che si distinguono in particolare per gli spostamenti a piedi, ovvero la Liguria con il tasso più alto di tragitti a piedi (62,4 per cento) e di mobilità attiva in generale (64,3 per cento), seguita dalla Sardegna (58,4 per cento a piedi e 59, 5 per cento di mobilità attiva), e poi Basilicata e Puglia, rispettivamente con il 49,3 per cento e il 43,6 per cento di spostamenti a piedi.

Indubbiamente sulla mobilità attiva influisce la viabilità e l’assetto infrastrutturale delle regioni. Basti pensare come la presenza di piste ciclabili sicure e collegate ai punti nevralgici di una città influisca sulla scelta di utilizzare la bici o meno. Per tale motivo la mobilità attiva non deriva solo dalla scelta del singolo individuo, ma è diretta conseguenza delle politiche pubbliche applicate dai vari governi.

Check Also

marco randon

Marco Randon, il panettiere dal cuore d’oro premiato dal presidente Mattarella

Chi lo dice che fare del bene non ripaga? La prova ci arriva dalla storia …

 

Si avvisa che gli uffici Unsic della sede nazionale rimarranno chiusi per la pausa estiva dal 12 agosto al 30 agosto 2024.

 

Le attività riprenderanno regolarmente lunedì 2 settembre 2024.