martedì , Luglio 23 2024
Home / Archivio notizie / Saperi / Il “Califfo”, 85 anni fa la nascita del maestro

Il “Califfo”, 85 anni fa la nascita del maestro

Ricorre oggi l’85esimo anniversario dalla nascita di Franco Califano, conosciuto come il “Califfo” o anche come “Maestro”, ed autore di alcuni dei testi più famosi della musica italiana.

Quella del Califfo è stata una vita fuori dagli schemi, fin dalla sua nascita, avvenuta il 14 settembre 1938 su un aereo in volo sulla Libia, costringendo il pilota a un atterraggio di emergenza a Tripoli. Il padre, infatti, era un soldato italiano, originario di Pagani (Salerno), di stanza in Libia, dove viveva con la moglie Jolanda e la primogenita Liliana.

Con lo scoppio della guerra la famiglia era tornata in Italia per traferirsi, prima a Nocera Inferiore (Salerno), città natale della madre, e poco più tardi a Roma. Proprio la romanità sarà un tratto caratterizzante di Califano e delle sue opere.

Dotato di un’intelligenza fuori dal comune, negli anni del liceo aveva iniziato a scrivere le prime poesie, che ben presto si erano trasformate in testi, e nel frattempo lavorava con i fotoromanzi. Il tutto senza farsi mancare il divertimento e, al contrario, conducendo una sfrenata vita notturna che lo aveva costretto a frequentare il corso serale di ragioneria.

La sua vita è stata segnata dalla perdita del padre, che morì a soli 38 anni. Sarebbe stato proprio questo evento, in base a quanto riferito nella sua autobiografia, a metterlo di fronte alla caducità della vita e spingerlo a sfruttarla appieno.

Dopo una breve esperienza a Milano, rientrato a Roma, a soli 19 anni ha sposato Rita Di Tommaso. Il matrimonio è durato poco, ma abbastanza per dare alla luce Silvia, unica figlia di Califano.

Deciso ad intraprendere la carriera di autore, negli anni Sessanta erano arrivanti i primi grandi successi, come “E la chiamano estate” per Bruno Martino e “La musica è finita” per Ornella Vanoni e poco più tardi alcuni dei suoi pezzi più famosi come “Minuetto” cantata da Mia Martini e l’album “Amanti di valore” di Mina.

Negli stessi anni aveva pubblicato il suo primo album, “‘N bastardo venuto dar sud” e, nel 1976 con “Tutto il resto è noia” ha raggiunto l’apice della sua carriera di cantante.

La sua vita caratterizzata dalla sregolatezza, è stata accompagnata da diversi scandali e problemi legali come inchieste per spaccio di cocaina e associazione a delinquere di stampo camorristico e traffico di cocaina. Poi assolto da tutte le accuse, aveva raccontato queste esperienze nell’album “Impronte digitali”.

Quella del cantautore però non è stata l’unica strada percorsa dal Califfo, che ha avuto discreto successo anche come attore e scrittore. Nei suoi libri emerge in particolare la vita “maledetta”, la passione per le donne e la sua fama di playboy. In “Senza manette” aveva anche confessato di essersi prostituito nei periodi di maggiori ristrettezze economiche.

Personaggio controverso e molto chiacchierato, la sua vita piena di eccessi è stata degna di un romanzo. Morto il 30 marzo 2013 nella sua villa ad Acilia, l’epitaffio recita “Non escludo il ritorno”, titolo di una delle sue ultime canzoni.

Check Also

ACN, bando per 45 giuristi a tempo indeterminato

Prosegue il rafforzamento dell’Agenzia per la cybersicurezza nazionale (Acn) che ha indetto un concorso per …

 

Si avvisa che gli uffici Unsic della sede nazionale rimarranno chiusi per la pausa estiva dal 12 agosto al 30 agosto 2024.

 

Le attività riprenderanno regolarmente lunedì 2 settembre 2024.