sabato , Dicembre 10 2022
Home / Comunicazione / Agricoltura, Pesca & Ambiente / Ismea e Explora, Mercato: lo spazio bambini dedicato alla filiera agroalimentare

Ismea e Explora, Mercato: lo spazio bambini dedicato alla filiera agroalimentare

Nasce ad Explora, il Museo dei Bambini di Roma, il nuovo allestimento permanente ideato insieme ad Ismea e finalizzato a trasmettere a bambine e bambini, attraverso l’esperienza giocata, il valore di una sana alimentazione, comprendere il significato di sicurezza alimentare, riflettere sul tema dello sviluppo sostenibile e della lotta agli sprechi alimentari, sperimentando buone prassi nei consumi e negli acquisti. Si chiama “Mercato”, il nuovo spazio dedicato alla spesa del museo Explora. Un design a misura di bambini per imparare, giocando, tutti i segreti legati al cibo, in linea con i 17 Obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.

Prodotti dell’orto, frutta, gastronomia, articoli per l’igiene personale, surgelati e freschi sono le macroaree del nuovo spazio, alimenti che arrivano nelle nostre case attraverso percorsi di cui a volte, anche i grandi, ignorano le tappe. Mercato è uno spazio di educazione alimentare che si presenta come un grande supermercato: oltre a fare le spesa i bambini possono capire e conoscere la filiera, approfondire la tracciabilità dei prodotti e imparare a leggerne l’etichetta, accrescendo così la consapevolezza in fase di acquisto.

All’esperienza della spesa è associato un approfondimento digitale sulla provenienza dei prodotti, la stagionalità, l’impronta idrica e i valori nutrizionali, attraverso una parete interattiva con software sviluppato ad hoc dal museo Explora.

“Mercato non è solo uno spazio per cimentarsi in un gioco di ruolo, comunque fondamentale per lo sviluppo dei bambini – afferma Patrizia Tomasich, presidente del museo – ma rappresenta un allestimento di approfondimento, di scoperta e sensibilizzazione. Uno spazio in cui si gioca a fare la spesa e ci si avvicina, grazie all’apprendimento informale, a tematiche ormai fondamentali per lo sviluppo sostenibile. Per esempio la filiera agroalimentare, che dovremmo tutti conoscere per una spesa più consapevole, sana ed equilibrata, ma anche il tema degli sprechi alimentari che ancora oggi purtroppo ci riguardano”. Il nuovo allestimento nasce dall’incontro tra Explora e Ismea Istituto di servizi per il Mercato agricolo alimentare, entrambi orientati dal forte desiderio di voler sostenere i bambini in questa fase di conoscenza e sensibilizzazione. Lo spazio, aperto al pubblico in tutti i turni di visita, diventa punto di riferimento per un’esperienza di divertimento e di scoperta.

“Con il Mercato, vogliamo spiegare ai più piccoli – dichiara Maria Chiara Zaganelli direttore generale di Ismea – attraverso la sperimentazione ludica quali siano i processi che portano in tavola i prodotti che mangiamo, avvicinarli a tematiche come la scelta dei prodotti in base alla loro stagionalità, la promozione della varietà e del cibo a chilometro zero: aspetti questi sicuramente importanti per far sì che i bambini diventino futuri consumatori responsabili, consapevoli della ricchezza del nostro patrimonio agroalimentare. Per questo abbiamo sostenuto questo progetto con il Museo Explora, forti dell’esperienza acquisita negli anni attraverso campagne di comunicazione nel settore food indirizzate anche al target dei più piccoli e certi che il messaggio sarà veicolato ai bambini e alle loro famiglie in un contesto informale, capace di favorire l’apprendimento attraverso l’esperienza”.


Obiettivi didattici dell’exhibit:

● Far comprendere il significato di filiera e di sicurezza alimentare;

● Far riflettere sul tema dello sviluppo sostenibile e della lotta agli sprechi alimentari;

● Far sperimentare buone prassi nei consumi e negli acquisti;

● Trasmettere valori e concetti di una sana alimentazione grazie all’apprendimento informale.

Explora, il Museo dei Bambini di Roma – è il primo Children’s Museum privato non profit italiano. Il Museo ospita ogni anno scuole e famiglie proponendo attività e laboratori su diversi argomenti, come scienza, nuove tecnologie, ambiente, arte e ricerca, sostenendo cultura e conoscenza.


Check Also

Fao, pesca: il 73% delle specie acquatiche è sovrasfruttato

Non accenna a diminuire lo sfruttamento nella pesca di alcune specie commerciali. Nonostante la “pesca …