sabato , Aprile 20 2024
Home / Comunicazione / Agricoltura, Pesca & Ambiente / Via libera al primo vaccino contro la peste delle api

Via libera al primo vaccino contro la peste delle api

Il governo degli Stati Uniti ha approvato il primo vaccino al mondo destinato alle api da miele. Ne dà notizia il quotidiano britannico The Guardian che spiega l’importanza del vaccino come nuova arma contro le malattie che devastano abitualmente le colonie delle api mellifere, tra i principali insetti responsabili dell’impollinazione sistematica di molti raccolti alimentari.

Il vaccino creato da Dalan Animal Health, una società biotecnologica statunitense, nasce come protezione dalla diffusione della peste americana, una grave malattia causata dalle larve del batterio Paenibacillus che può indebolire e uccidere gli alveari. Attualmente non esiste una cura per la malattia, che in alcune parti degli Stati Uniti è stata trovata in un quarto degli alveari , costringendo gli apicoltori a distruggere e bruciare eventuali colonie infette e somministrare antibiotici per prevenire un’ulteriore diffusione.

Anche se partita dagli Usa, la peste americana si è propagata rapidamente in tutto il mondo. La Dalan Animal Health ha affermato che la scoperta potrebbe essere utilizzata per trovare vaccini per altre malattie legate alle api, come la versione europea della peste.

“È qualcosa che gli apicoltori possono facilmente riconoscere perché riduce le larve a questa sostanza appiccicosa marrone che ha un odore rancido”, ha spiegato Keith Delaplane, un entomologo dell’Università della Georgia, che ha collaborato con la società biotecnologica per lo sviluppo del vaccino.

Il vaccino funziona incorporando parte dei batteri nella pappa reale somministrata dalle api operaie alla regina, che poi lo ingerisce e conserva una parte del vaccino nelle ovaie. Le larve delle api in via di sviluppo hanno quindi l’immunità alla peste mentre si schiudono, riducendo i tassi di mortalità per la malattia.

La concessione della licenza per il vaccino da parte del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA), rappresenta un valido aiuto e una speranza per preservare la salute delle api, insetti impollinatori a rischio e necessari alla biodiversità. Alcune specie di api selvatiche sono in allarmante declino, a causa della perdita di habitat, dell’uso di pesticidi e della crisi climatica, alimentando così le preoccupazioni di una crisi globale che minaccia gli ecosistemi e la sicurezza alimentare degli esseri umani.

Check Also

agricoltura di montagna

Lombardia: 17 mln di euro per l’agricoltura di montagna

Stanziati dalla Regione Lombardia 17 milioni di euro per sostenere gli imprenditori agricoli che esercitano …

 

Si avvisa che il giorno 26 aprile 2024 gli uffici della sede Unsic nazionale resteranno chiusi.

 

Le attività riprenderanno regolarmente il 29 aprile 2024.

 

 

Si informa, inoltre, che gli uffici del Caf Unsic nazionale rimarranno operativi.