mercoledì , Giugno 19 2024
Home / Comunicazione / Bandi & Opportunità / Liguria, Mgi: prestiti rimborsabili per supportare la rilocazione di attività industriali

Liguria, Mgi: prestiti rimborsabili per supportare la rilocazione di attività industriali

industria

Ancora disponibili le risorse finanziarie destinate alle Mgi (medie e grandi imprese), volte alla rilocazione di attività industriali o alla nuova apertura di unità locali nel territorio regionale ligure, subordinatamente ad un piano di sviluppo aziendale che ne determini un aumento della capacità produttiva e del livello occupazionale. Allo strumento finanziario è assegnata una dotazione iniziale di risorse pubbliche di 2 milioni di euro a valere sul Fondo strategico regionale (Fsr)

Sono legittimate a richiedere l’agevolazione le singole Mgi   iscritte al Registro delle Imprese, che, al momento della presentazione della domanda, siano costituite in forma di società di capitali del settore industriale rientranti nel campo di applicazione del Regolamento Ue n. 1407/2013. Le imprese, al momento di presentazione della domanda, devono essere in regola con i contributi previdenziali e fiscali, nonché con la normativa in materia di sicurezza sul lavoro, qualora non diversamente disposto da appositi provvedimenti normativi. Gli interventi facenti parte del Piano di investimento devono interessare unità operative ubicate sul territorio della Regione Liguria, che risultino, al momento della rendicontazione finale di spesa, regolarmente censite presso la Cciaa competente e nella piena disponibilità dell’impresa. 

Sono  ammesse  all’agevolazione  le  spese  riguardanti investimenti  finalizzati  alla  rilocazione  di  attività industriali o alla nuova apertura di unità locali nel territorio regionale ligure, che rientrino  nelle seguenti tipologie:

  1. acquisto  e/o  ristrutturazione  di  immobili  strumentali  all’esercizio  dell’attività  industriale  (sono esclusi uffici di rappresentanza, amministrativi ed equiparabili); 
  2. acquisto e installazione di impianti, arredi, macchinari, attrezzature, nuovi di fabbrica; 
  3. opere edili e assimilate; 
  4. l’acquisto  e  l’installazione  di  software  e  relative  licenze  d’uso,  tecnologie  innovative  a  supporto e nell’ambito del  sistema di distribuzione  tradizionale (siti internet ad esclusivo  carattere conoscitivo/pubblicitario); 
  5. le spese da sostenere per l’ottenimento di fidejussioni bancarie e/o assicurative e/o soggetti  iscritti nell’albo degli intermediari finanziari di cui all’articolo 106 del Decreto legislativo 1  settembre  1993  n.  385 da porre  a  garanzia  della  restituzione  del finanziamento  e/o  per  l’ottenimento dell’anticipo del finanziamento stesso, purché non costituiscano l’unica voce  di spesa del Piano di investimenti presentato ed ammesso ad agevolazione. La riduzione del costo della garanzia riconosciuta non può superare la quota massima corrispondente al 3%  dell’importo  dell’operazione  finanziaria  su  cui  insiste  la  garanzia  e,  comunque,  non  può  superare il costo sostenuto dall’impresa per ottenere la garanzia.  Limitatamente all’acquisto di immobili di cui alla  lettera  a),  le  spese  sono  ammissibili  solo  se  documentate da perizia giurata di stima  redatta da un qualificato professionista iscritto ad albo  pubblico, attestante che il prezzo di acquisto non risulti superiore al prezzo di mercato.

Per tutte le spese è sempre escluso l’ammontare relativo all’Iva e a qualsiasi onere accessorio fiscale o finanziario. L’Iva rappresenta una spesa ammissibile solo se realmente e definitivamente sostenuta dal beneficiario.

Sono ammessi alle agevolazioni soltanto i costi attribuibili per competenza a date comprese nel periodo deliberato per lo svolgimento del progetto, a condizione che siano stati effettivamente sostenuti. Vige cioè il principio di cassa.  Per avvio del Piano di investimento si considera la data del primo titolo di spesa ammissibile facente parte del Piano medesimo.  Il Piano di investimento deve essere realizzato entro il termine massimo di 18 mesi dalla data di erogazione del finanziamento.  Non sono ammesse proroghe per la conclusione del piano di investimento salvo gravi e dimostrabili ritardi derivanti da procedimenti in capo alla Pubblica Amministrazione o da calamità naturali.

Check Also

Bonus colonnine domestiche 2024

È stato pubblicato nei giorni scorsi, dal ministero delle Imprese e del Made in Italy …