giovedì , Ottobre 29 2020
Home / Comunicazione / Comunicati stampa / Unsic: bene il decreto, ma occorreranno altre iniziative

Unsic: bene il decreto, ma occorreranno altre iniziative

L’Unsic, Unione nazionale sindacale imprenditori e coltivatori, organizzazione con 2.100 Caf e 600 Patronati in tutta Italia, apprezza lo sforzo del governo italiano per fare fronte alla crisi economica senza dubbio gravissima che l’emergenza Covid-19 ha solo iniziato a provocare. Riconosce l’importanza delle misure sanitarie e valuta consistente lo stanziamento annunciato di 25 miliardi di euro. Ma bisognerà utilizzare al massimo gli spazi di flessibilità al Patto di stabilità e i fondi europei, perché le risorse non basteranno.

E’ questa, in sintesi, la posizione dell’organismo sindacale datoriale sulle misure previste dal governo.

“Segnaliamo, in particolare, la delicatezza della fase attuativa – spiega Domenico Mamone, presidente dell’Unsic. “Occorrerà un importante lavoro amministrativo di direttive e circolari esplicative per risolvere i dubbi sul testo del lungo decreto. Nel dettaglio – continua il presidente – per i professionisti e per le microimprese, una delazione sui pagamenti appare insufficiente: dovrebbero essere azzerati i versamenti in acconto, e permettere così di pagare solo per quello che si incassa nel 2020. Occorre poi sospendere gli studi di settore, sempre in vista di commisurare i pagamenti al reale incasso. Ancora, sulle linee di credito, nelle forme previste, è necessario prevedere forme particolarmente flessibili di rimborso, per esempio attraverso quei preammortamenti che consentono di rimborsare solo gli interessi”.

L’Unsic conclude ribadendo la volontà di imprenditori e coltivatori di fare la propria parte, ma anche ricordando che la pressione sulle imprese del turismo, dei servizi, della ristorazione è già insostenibile: occorre dare fiducia a chi oggi ha legittima preoccupazione sul futuro della sua impresa.

Su IL SIPONTINO

Su BRINDISI LIBERA

Check Also

Covid, le scuole riapriranno con almeno un migliaio di positivi

Potrebbero essere almeno un migliaio in tutta Italia, tra studenti, docenti e non docenti, gli …