martedì , Novembre 29 2022
Home / webmaster

webmaster

Cattivi profeti

Quanti analisti hanno espresso la certezza, raggianti, che le sanzioni avrebbero messo in breve tempo la Russia in ginocchio? Ebbene, con la guerra in corso – a causa dell’esagerato aumento di prezzo delle materie prime – sta avvenendo esattamente il contrario. La Russia è più viva che mai. Lo stesso …

Leggi tutto »

Il sindacato di polizia Lisipo denuncia l’incremento degli sbarchi

“Ormai sono migliaia gli stranieri, su barche, barchette, gommoni, ecc. tutti i mezzi sono buoni per arrivare nel nostro Paese che erroneamente molti migranti, credono essere l’Eldorado. Ogni barcone, gommoni ecc. che si soccorre, è il segnale che in Italia ‘si può’, è tutto facile: accoglienza, albergo, vestiario cibo, persino …

Leggi tutto »

Informazione, libertà e democrazia

L’informazione, insieme all’istruzione, è sicuramente una precondizione essenziale non solo della libertà individuale ma anche per la realizzazione di una società democratica. I regimi ma anche i gruppi dittatoriali e parafascisti nel migliore dei casi provano a condizionarla altrimenti ricorrono a intimidazioni, violenza e perfino all’omicidio pur di assoggettarla come …

Leggi tutto »

La tv e il decadimento culturale

Questa la lettera che un’insegnante su Facebook ha rivolto ad alcuni presentatori di programmi televisivi… “Vi accuso di essere tra i principali responsabili del decadimento culturale del nostro Paese, del suo imbarbarimento sociale, della sua corruzione e corrosione morale, della destabilizzazione mentale delle nuove generazioni, dell’impoverimento etico dei nostri giovani, …

Leggi tutto »

Rai, con duemila giornalisti perché chiama Damilano?

La Rai ha ben duemila giornalisti in forze, rappresentando ormai un “bacino privilegiato” per la professione giornalistica, che altrove è sempre più preda della precarietà. Giornalisti ben pagati, distribuiti in tutto il territorio nazionale, alcuni bravi altri meno bravi. C’è allora da chiedersi: perché la cosiddetta “tv di Stato” ha …

Leggi tutto »

Fermare la guerra per riprenderci il futuro

La guerra in Ucraina sta modificando orientamenti, spinge a scelte dolorose, alimenta derive estreme, influisce negativamente su scenari che erano già preoccupanti: pandemia, costi energia, aumento prezzi, difficoltà occupazione, sviluppo incerto e sua qualità in arretramento. Il coordinamento mondiale della lotta al cambiamento climatico rischia di essere la prima vittima …

Leggi tutto »

Puntare sulle rinnovabili

Il Presidente del Consiglio Draghi ha detto più volte che bisogna puntare sulle energie rinnovabili per raggiungere l’obiettivo della nostra sovranità energetica. Per ora il Ministro Cingolani ha annunciato solo l’approvazione di alcuni parchi eolici che valgono solo 400 MegaWatt e l’intenzione di costruire due rigassificatori galleggianti. Troppo poco per …

Leggi tutto »

La lunga notte della ragione

La prima volta in cui sono sceso in piazza contro una guerra era il marzo del 1969. Il papa Paolo VI riceveva in Vaticano il presidente degli Stati Uniti Richard M. Nixon e con il M.I.R. (Movimento Internazionale della Riconciliazione) abbiamo organizzato un’azione di protesta chiedendo che il pontefice esprimesse …

Leggi tutto »

Le alternative alla guerra

Non possiamo affrontare le questioni dei tanti conflitti in corso nel mondo, perlopiù combattuti per interessi economici o per ragioni di potere, se non ci rendiamo conto che la guerra è il male peggiore della storia e se non usciamo dalle logiche militariste, nazionaliste, imperialiste per aprirci ai valori dell’internazionalismo …

Leggi tutto »