mercoledì , Febbraio 8 2023
Home / Comunicazione / Fondo monetario, per l’Italia previsione del Pil allo 0,6%

Fondo monetario, per l’Italia previsione del Pil allo 0,6%

Il Fondo monetario internazionale taglia le stime sulla crescita italiana prevedendo un Pil in salita dello 0,6 per cento, cioè 0,4 punti in meno rispetto alle previsioni pubblicate a ottobre scorso. La percentuale è analoga a quella indicata nei giorni scorsi dalla Banca d’Italia. La stima differisce dall’1 per cento programmato dal governo. A giustificare la revisione, si legge nell’aggiornamento del World economic outlook del Fmi, sono «la debole domanda domestica e i maggiori costi di finanziamento dovuti ai rendimenti elevati sui titoli di Stato».

Il Fondo monetario naturalmente cita anche il possibile inasprirsi delle tensioni commerciali, la Brexit con le tante incertezze e il rallentamento della Cina.

Nel dettaglio, ricorda il report, «gli spread italiani si sono ristretti rispetto ai picchi di ottobre-novembre ma rimangono alti. Un protratto periodo di rendimenti elevati metterebbe ulteriormente sotto stress le banche italiane, peserebbe sull’attività economica e peggiorerebbe le dinamiche del debito».

Il problema comunque è globale. Le economie avanzate nel loro complesso subiscono una revisione al ribasso e l’ultima stima è al 2 per cento per il 2019. Invariata la stima dell’1,7 per cento per il 2020. Per gli Stati Uniti la stima è al 2,5 per cento per quest’anno e all’1,8 per cento per il prossimo. Per l’Eurozona la previsione è all’1,6 per cento a fine anno, ben lo 0,9 per cento in meno rispetto alla stima di ottobre. Il taglio più pesante, pari allo 0,6 per cento rispetto all’autunno scorso, è riservato alla Germania, per un Pil in aumento dell’1,3 per cento. All’1,5 per cento la previsione della Francia.

Check Also

Sanremo, discutibile la prima

Settimana della propaganda musicale sanremese. Ben pochi riescono a sottrarsi allo spensierato rito che sospende …