martedì , Settembre 29 2020
Home / Comunicazione / Primo piano / A Milano manifestazione di solidarietà ai giovani di Hong Kong

A Milano manifestazione di solidarietà ai giovani di Hong Kong

La rivolta di Hong Kong suscita reazioni tra le forze democratiche occidentali. A Milano centinaia di giovani hanno partecipato alla manifestazione organizzata dall’Istituto Liberale a favore della popolazione dello Stato asiatico, contro la repressione cinese. L’iniziativa s’è svolta in largo Cairoli.

E’ stato soprattuto il passa parola sui social ad animare tanti giovani, milanesi ma non solo, che numerosi e senza distinzione di colore politico hanno risposto all’appello dell’associazione culturale, portando con loro cartelloni, striscioni e bandiere.

Alla manifestazione ha partecipato anche una delegazione dei giovani di Hong Kong che ha dovuto indossare delle mascherine per celare la propria identità alla luce delle recenti minacce subite in seguito al sit-in da loro organizzato lo scorso settembre.

Non sono mancate presenze istituzionali, come quella dell’onorevole dem Lia Quartapelle, nonché i presidenti di numerose associazioni tra cui “Amici di Israele”. Non ha fatto mancare la propria presenza l’economista Imen Jane.

In un’area opposta alla manifestazione, ma sempre limitrofa a largo Cairoli, un gruppo di sostenitori cinesi ha dato vita ad una contromanifestazione, issando bandiere cinesi e simboli comunisti.

“Si tratta di una battaglia di libertà. Abbiamo organizzato questa manifestazione per portare avanti la richiesta di cinque punti: non concedere l’estradizione degli hongkonghesi in Cina, istituire una
commissione d’inchiesta sulla repressione dei dissidenti, ritirare le accuse di “sommosse” a carico dei manifestanti, rilasciare i manifestanti arrestati, garantire il suffragio universale a favore dei cittadini hongkonghesi – evidenzia Alessio Cotroneo, presidente dell’associazione a margine della manifestazione.

“Il fatto di poter manifestare liberamente e di avere di fronte una contromanifestazione non autorizzata, ma a cui comunque nessuno vieta la libertà, ha un valore simbolicamente doppio. Di fatto la presenza dei cinesi non dimostra altro che la loro visione sia errata e incoerente – conclude il presidente.

Check Also

Digitale

Solidarietà Digitale: soluzioni innovative e servizi digitali a supporto della scuola

Il Dipartimento per la Trasformazione Digitale della Presidenza del Consiglio dei ministri lancia la nuova …