giovedì , Maggio 28 2020
Home / Comunicazione / Primo piano / Dal web aiuto alle attività commerciali: “Un caffè sospeso”

Dal web aiuto alle attività commerciali: “Un caffè sospeso”

Si chiama “Un caffè sospeso” l’intelligente e solidale iniziativa di cinque giovani ragazzi di Piacenza e provincia che hanno messo gratuitamente le loro competenze di esperti di digital marketing al servizio dei commercianti e delle comunità locali. Il nome riprende una pratica sociale originaria del capoluogo partenopeo, risalente forse al periodo della seconda guerra mondiale, dove chi poteva, lasciava un caffè pagato a chi non poteva permetterselo.

Con lo stesso spirito di generosità nasce “Un caffè sospeso” la piattaforma gratuita realizzata per dare sostegno delle piccole realtà commerciali danneggiate dall’emergenza Covid-19. All’inizio l’attività era rivolta solo alla città piacentina ed al suo interland, ma visto il successo di adesioni, è stata allargata a tutta Italia. La piattaforma è diretta alle piccole e medie attività di tutta Italia.

L’ingegnosa idea, partorita dalle menti di cinque ragazzi dello studio di comunicazione piacentino “Tomato”, “un piccolo studio di comunicazione che racconta storie, e non favole, nato per dare voce ai brand che non ne hanno ancora trovata una”, autodefinizione dal loro sito web, serve a dare un aiuto concreto ai molti commercianti oggi in difficoltà, fortemente colpiti dalla crisi dovuta all’emergenza sanitaria in corso.  I giovani creativi hanno deciso così di mettere a disposizione gratuitamente quello che sapevano fare meglio, creando una piattaforma di supporto per i piccoli commercianti locali.

Come funziona la piattaforma “Un caffè sospeso”?

All’interno del sito www.uncaffesospeso.it (clicca QUI) le attività commerciali hanno la possibilità di inserire un buono acquisto (da scaricare in digitale o da richiedere con una telefonata) che gli utenti potranno acquistare per supportare un’attività in un momento difficile.

La vendita dei buoni e la scelta del metodo di pagamento è gestita direttamente dal commerciante. La piattaforma non incassa pagamenti, né li eroga. Costituisce soltanto la vetrina che raccoglie tutte le attività commerciali che decidono di partecipare (le categorie presenti sono: abbigliamento, agroalimentare, artigiani, bar, cartolerie e librerie, cinema e teatri, parrucchiere ed estetiste, ristoranti, altro).

Ogni attività si può iscrivere gratuitamente compilando il form di iscrizione presente sul sito. Verrà richiesto un contatto di riferimento, il nome dell’attività, la sede, una breve descrizione e un link al buono acquisto digitale (o il numero di telefono per richiederlo direttamente al commerciante).

Sulla piattaforma verrà quindi creata entro 24 ore una scheda dedicata all’attività, visibile ai potenziali clienti. Se non si possiede un buono acquisto digitale, seguendo le indicazioni del sito si verrà reindirizzati al sito giftup.app dove è possibile creare gratuitamente buoni acquisto personalizzati, scegliendo il prodotto da vendere, l’importo e il metodo di pagamento online prescelto. Si dovrà soltanto disporre di un metodo di pagamento online.

In alternativa le singole attività possono indicare la loro disponibilità a vendere buoni acquisto tramite contatto telefonico. In tal caso, ci si può ad esempio accordare per un importo e un bonifico, ed è onere dell’attività tenere traccia delle singole transazioni in vista della riapertura.

Check Also

Aziende, emergenza Covid-19 e l’area risorse umane

L’emergenza Covid-19 ha investito tutte le organizzazioni, cambiando le modalità di lavoro, di collaborazione e …

In occasione del “ponte” di lunedì 1 giugno 2020 antecedente la Festa della Repubblica del 2 giugno, gli uffici di Unsic nazionale in via Angelo Bargoni 78 resteranno chiusi per l’intera giornata.