martedì , Febbraio 18 2020
Home / Comunicazione / Primo piano / Italia e Benelux sul futuro dell’Europa

Italia e Benelux sul futuro dell’Europa

Il ruolo dell‘Italia e dei Paesi del Benelux in Europa. E le buone prassi su risparmio energetico, mobilità, urbanistica, internazionalizzazione, legalità. Sono stati i temi al centro del convegno “L’Europa del futuro: la nostra casa comune. Il contributo di Italia e Benelux“, tenutosi lunedì 10 febbraio in Senato, presso l’aula della commissione Difesa.

All’incontro, promosso dalla senatrice Laura Garavini in qualità di presidente dell’Unione interparlamentare Italia-Benelux, sono intervenuti Alain De Muyser, segretario generale dell’Unione Benelux, Laura Agea, sottosegretaria agli Affari europei, Paul Dühr, ambasciatore del Lussemburgo, Frank Carruet, ambasciatore del Belgio, Elena Basile, ambasciatore dell’Italia a Bruxelles, Joost Flamand, ambasciatore dei Paesi Bassi, Andrea Perugini, ambasciatore dell’Italia a L’Aja, Nicola Verola, direttore centrale per l’Integrazione europea della Farnesina, Giorgio Novello, vice presidente Avio Spa, e i parlamentari componenti del Gruppo di amicizia interparlamentare Italia-Benelux Fiammetta Modena, Massimo Ungaro, Francesco Berti, Giuseppina Occhionero, Giovanni Russo. Il moderatore dell’evento è stato Antonio Argenziano, presidente dei Giovani federalisti europei.

“L’europeismo non è più un sentimento scontato. Mentre in precedenza rappresentava un sentimento comune per gli italiani, ora viene messo in discussione da tendenze di stampo sovranista. Un mutamento epocale che non può lasciare indifferenti Paesi fondatori come l’Italia e Belgio, Lussemburgo e Paesi Bassi” – ha esordito la senatrice Garavini.

“Dal Trattato di Roma ad oggi, alle soglie della Conferenza d’Europa, esiste un filo ideale tra Italia e Benelux. Un legame rafforzato dalla presenza di tanti concittadini italiani che vivono in Lussemburgo, Belgio e Paesi Bassi, perfettamente integrati e ormai parte attiva nella società. Partendo da queste basi siamo chiamati a portare avanti i rapporti di amicizia tra i rispettivi Paesi, attraverso la diplomazia e il dialogo parlamentare. In questo modo possiamo gettare le basi per costruire un futuro rapporto di scambio reciproco, sia culturale che economico. Puntando alla valorizzazione dei nostri comuni ideali sul futuro dell’Unione Europea” ha concluso la senatrice.

Check Also

Ci cureremo a casa: il futuro della sanità secondo Amy Webb

“Trasformare le nostre case in cliniche”. Secondo Amy Webb, professione futurista quantitativa, professoressa di lungimiranza …