mercoledì , Novembre 13 2019
Home / Comunicazione / Primo piano / L’Umbria abbraccia la destra. Tonfo per l’alleanza Pd-M5S

L’Umbria abbraccia la destra. Tonfo per l’alleanza Pd-M5S

Una vera e propria disfatta per l’alleanza tra Pd e Movimento Cinque Stelle, un risultato altamente positivo per la destra. L’Umbria scolorisce il rosso che l’ha caratterizzata per cinque decenni e si consegna alle forze sovraniste.

Il nuovo presidente è Donatella Tesei, che ha conquistato il 57,5 per cento delle preferenze, tra l’altro con una partecipazione al voto che ha raggiunto quasi il 65 per cento, un primato per questi tempi.

Il suo principale antagonista, Vincenzo Bianconi del centrosinistra con M5S incluso, s’è fermato al 37,5 per cento.

E’ la vittoria, soprattutto, di Matteo Salvini: la sua Lega ha raccolto il 37 per cento dei voti, una percentuale impensabile solo qualche anno fa. Ma anche Fratelli d’Italia conferma la sua crescita inarrestabile, con il 10,4 per cento delle preferenze. A completare il centrodestra c’è Forza Italia, che però scende al 5,5 per cento, quasi doppiata dal partito di Giorgia Meloni.

A sinistra il crollo verticale è quello del M5S, che si ferma al 7,4, più o meno la metà dei voti presi in Umbria alle Europee.

Bene non va nemmeno al Partito democratico, un tempo padrone assoluto della Regione: crolla al 22,3.

Emblematica la distribuzione dei seggi: la Lega ne accaparra otto, Fratelli d’Italia due, Forza Italia uno e uno anche la lista civica Tesei Presidente.

Per l’opposizione, cinque seggi al Partito democratico, appena uno al Movimento Cinque stelle e uno alla civica Bianconi per l’Umbria.

Check Also

Aumenta in Italia l’investimento in opere d’arte: più 45 per cento

Da secoli, l’arte è considerata non solo qualcosa che rende più bella la nostra vita …