martedì , Luglio 23 2024
Home / Comunicazione / Primo piano / World economic forum: in Cina per discutere di economia globale

World economic forum: in Cina per discutere di economia globale

Una nuova economia globale, la Cina e il mondo, l’imprenditorialità nell’era dell’intelligenza artificiale, nuove frontiere per le industrie, investire nelle persone, collegare clima, natura ed energia, sono i temi chiave che verranno esplorati nel corso dell’Incontro annuale dei nuovi campioni (Annual Meeting of the New Champions) del World economic forum (Wef) in programma dal 25 al 27 luglio 2024 nella città portuale di Dalian, nella Repubblica popolare cinese.

Dopo una serie di eventi senza precedenti, l’economia globale si sta stabilizzando, con proiezioni di crescita del 3,1% nel 2024 insieme ad altri trend positivi negli indicatori economici. Le profonde trasformazioni portate dalle recenti crisi hanno visto uno spostamento verso nuovi modelli di crescita. I governi stanno sempre più svolgendo un ruolo attivo nel dare forma alle politiche economiche e industriali, dando priorità ad aree di crescita chiave, come la tecnologia e le industrie verdi, per garantire la competitività. Rimangono comunque rischi e tensioni che sono superabili grazie alla cooperazione tra Paesi, per riuscire a sbloccare le possibilità di crescita. I ​​leader dovranno affrontare sfide urgenti per promuovere uno sviluppo globale sostenibile e inclusivo. Mentre nel 2024 il commercio trarrà beneficio dalla crescita economica, si prevede che l’inflazione complessiva diminuirà; la concorrenza geoeconomica e la frammentazione continuano a porre sfide e l’inflazione di fondo dovrà essere gestita attraverso una politica monetaria solida e coordinata.

Per rispondere alla rapida evoluzione del panorama globale, il World economic forum ha convocato il 15esimo Incontro annuale dei nuovi campioni a Dalian, evento che riunirà oltre 1.500 leader di alto livello provenienti da aziende, governi, società civile e organizzazioni internazionali, nonché importanti imprenditori, innovatori e accademici per generare intuizioni collettive e soluzioni implementabili.

Il Wef ha individuato il continente asiatico come area geografica che ospiterà l’incontro, nello specifico la Cina, una regione che continua a trainare i due terzi dell’intera crescita globale e che consentirà ai leader di collaborare e promuovere modalità per stimolare e mantenere uno slancio economico positivo.

Tre giorni scanditi da un ricco programma di eventi e sessioni incentrati sui temi principi del meeting:

Una nuova economia globale – Comprendere il passaggio a nuovi modelli di crescita, il ruolo del governo nel definire le politiche economiche e industriali e come i leader possono affrontare le sfide urgenti per promuovere una crescita globale sostenibile e inclusiva.

La Cina e il mondo – Si prevede che la Cina contribuirà a oltre un quarto della crescita globale nel 2024 e, in quanto maggiore economia emergente, svolge un ruolo importante nel dare forma alla cooperazione globale in un contesto geopolitico sempre più frammentato. È un’economia parte integrante della stabilità geoeconomica. Nonostante le sfide strutturali, l’agenda dinamica dell’innovazione della Cina e le nuove industrie emergenti presentano opportunità per una crescita continua e sostenibile. Negli ultimi cinque anni, le aziende locali hanno più che raddoppiato la spesa per programmi di ricerca e sviluppo, mentre nel 2023 il settore dell’energia pulita in rapida espansione della Cina ha rappresentato circa il 40% della sua espansione economica.

L’imprenditorialità nell’era dell’intelligenza artificiale – L’emergere dell’intelligenza artificiale generativa (IA) ha innescato un’ondata di investimenti che ha invertito il rallentamento dei finanziamenti globali di capitale di rischio registrato nel 2023. Si prevede che tali investimenti raggiungeranno i 200 miliardi di dollari entro il 2025, con le start-up di Intelligenza artificiale destinate a guidare la crescita in tutte le economie. I leader dovranno imparare dalle attuali applicazioni delle tecnologie della quarta rivoluzione industriale, ma anche anticipare i futuri progressi con il potenziale di guidare produttività, crescita e sostenibilità. Oltre all’attuale boom delle tecnologie di Ia, c’è il rapido sviluppo di ulteriori innovazioni, dalla biotecnologia al calcolo quantistico.

Nuove frontiere per le industrie – Gli eventi di cinque anni turbolenti hanno spinto le industrie a modificare le proprie attività e processi. Dopo significativi cambiamenti geoeconomici e tecnologici, i sondaggi indicano che la tecnologia ora rappresenta il principale motore di cambiamento per le aziende, eppure quasi la metà dei dirigenti afferma di essere preparata alla sua rapida evoluzione. La trasformazione delle industrie sarà fondamentale per garantire non solo la loro sopravvivenza, ma anche un’ulteriore crescita in mezzo a probabili shock e incertezze future, poiché la transizione verso un’economia a zero emissioni nette rimane più cruciale che mai. In mezzo a questa trasformazione c’è l’opportunità di spianare la strada a fonti sostenibili di nuova crescita.

Investire nelle persone – Nei prossimi cinque anni, quasi un quarto di tutti i posti di lavoro e poco meno della metà delle competenze dei lavoratori subiranno interruzioni dovute a cambiamenti geoeconomici, cambiamenti tecnologici e transizione verde. Il conseguente ricambio di posti di lavoro e competenze richiede una risposta coordinata da parte di decisori politici, datori di lavoro e lavoratori per garantire un risultato positivo per le persone in tutto il mondo. Mettere in atto strategie come la riqualificazione e l’aggiornamento professionale possono affrontare la crisi occupazionale e delle competenze causata dai cambiamenti geoeconomici, dai cambiamenti tecnologici e dalla transizione verde, producendo risultati positivi per le persone in tutto il mondo.

Collegare clima, natura ed energia – I rischi posti dal cambiamento climatico agli ecosistemi e ai mezzi di sussistenza sono sempre più evidenti e consequenziali. Ci sono stati progressi verso la transizione verso forme di energia più pulite a livello globale, con accordi tra Stati Uniti e Cina che mostrano la volontà delle economie di concentrarsi su obiettivi condivisi. I leader dovranno ampliare ulteriormente le politiche e le tecnologie avanzate volte a realizzare progressi sistemici e olistici verso un futuro carbon neutral e nature positive. Gli esperti hanno indicato che sono necessari ulteriori investimenti e azioni affinché i paesi raggiungano i loro obiettivi climatici. I mercati emergenti sono entrambi gravemente colpiti dagli impatti del cambiamento climatico e devono affrontare un divario di investimenti di 2,2 trilioni di dollari.

Check Also

Tutte le novità del decreto salva-Casa

Con 155 sì, 79 no e 9 astenuti, è stato approvato nei giorni scorsi alla …

 

Si avvisa che gli uffici Unsic della sede nazionale rimarranno chiusi per la pausa estiva dal 12 agosto al 30 agosto 2024.

 

Le attività riprenderanno regolarmente lunedì 2 settembre 2024.