giovedì , Giugno 13 2024
Home / Archivio notizie / Omaggi ai Borghi d'Italia / Agnone (Is), 50 intellettuali firmano per salvaguardare dipinti

Agnone (Is), 50 intellettuali firmano per salvaguardare dipinti

Cinquanta ricercatori e docenti universitari di tutto il mondo hanno firmato un documento in cui si chiede di salvaguardare i dipinti di uno dei soffitti lignei dell’ex Convento di San Francesco ad Agnone (Isernia), i quali rischiano di deteriorarsi in maniera irrimediabile, anche Italia Nostra Campobasso ha segnalato il bene alla Lista Rossa.

Il bene a cui si fa riferimento ha un valore inestimabile; esso fa parte, infatti, di un ciclo pittorico con chiari simboli alchemici e si trova su uno dei quattro soffitti lignei (seconda metà del XVIII sec. dipinti a tempera), interessati da tale ciclo, nell’ex Convento di San Francesco ad Agnone (Isernia), antica città sannita, detta la Atene del Sannio per aver dato nell’800 un alto numero di menti colte: medici, filosofi, giuristi e teologi, e inoltre, nota per le sue famose campane realizzate dalla Pontificia Fonderia Marinelli (1000).

Nel convento attualmente è situata la biblioteca “B. Labanca” e tre delle quattro sale interessate al ciclo pittorico sono accessibili, la quarta sala con i dipinti in deterioramento è, invece, inutilizzata.

Nei primi anni del 2000 tre dei quattro soffitti dipinti, che costituiscono il ciclo alchemico, sono stati restaurati, preservandoli dalle infiltrazioni di acqua provenienti dal tetto, che è stato riparato. Il quarto soffitto, invece, non è stato interessato dai lavori di restauro per esaurimento dei fondi e ora i dipinti si mostrano in uno stato di avanzato deterioramento per la presenza di macchie di umidità. Se ancora trascurati, rischiano di scomparire definitivamente, per cui è necessario intervenire il più presto possibile. Per tale motivo la sezione di Campobasso ha segnalato il bene alla Lista Rossa, uno strumento di partecipazione che Italia Nostra ha predisposto per segnalare beni culturali a rischio, attraverso il quale l’associazione raccoglie ogni giorno, anche da parte di cittadini attenti e responsabili, denunce e segnalazioni di beni comuni o paesaggi in abbandono o bisognosi di tutela, con l’obiettivo di salvarli. Nella lista Rossa vi sono già altri Beni del Molise segnalati dalla sezione.

Dunque, la segnalazione fatta da Italia Nostra Campobasso va proprio in questa direzione, il ciclo alchemico dei soffitti lignei dipinti dell’ex Convento di S. Francesco ad Agnone, rischia di essere compromesso a causa del deterioramento di uno dei dipinti facente parte del ciclo, per questo è necessario un intervento immediato affinché si possa riparare al danno fatto a causa di una mancata manutenzione. Si tratta di un interessante ed originale documento, unica testimonianza iconografica alchemica francescana, che rappresenta anche una testimonianza della tradizione culturale e tecnica di Agnone, in riferimento non solo alla lavorazione delle campane, ma anche dell’oro e del rame, tipica del territorio agnonese.

Italia Nostra Campobasso, pertanto, rivolge un appello sia a tutti gli Enti interessati, affinché rivolgano la massima attenzione su tale bene e si attivino per il suo recupero il più presto possibile, in modo da non perdere un originale documento sia a tutti i cittadini attenti e responsabili affinché collaborino segnalando alla sezione Beni in abbandono o degrado.

Check Also

Cortina: no alla pista da bob da parte di associazioni ambientaliste

Una sola offerta è stata presentata lo scorso 18 gennaio alla gara di appalto della nuova …