lunedì , Aprile 22 2024
Home / Comunicazione / Il Presidente / Maggiore attenzione ai “Paesi Brics”

Maggiore attenzione ai “Paesi Brics”

“Brics” è un acronimo – coniato da Jim O’Neill, economista della Goldman Sachs – che indica, dal 2001, le principali economie emergenti non occidentali, cioè Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica.

Se due decenni fa si parlava ancora di “economie emergenti”, oggi questi colossi svolgono un ruolo di primo piano nella geopolitica mondiale.

Innanzitutto il gruppo si è rafforzato con l’ingresso, da quest’anno, di cinque nuovi Paesi membri, Arabia Saudita, Egitto, Emirati Arabi Uniti, Etiopia e Iran. “Brics” è così diventato “Brics+”. E le prospettive vedono almeno un’altra quarantina di nazioni pronte a far parte dell’organizzazione. Soltanto l’Argentina, con il nuovo presidente Javier Milei, ha rinunciato all’ingresso.

Secondo la Banca Mondiale, i Brics+ costituiscono il 45,6% della popolazione mondiale e il 28,6% del Pil. E non va dimenticato che proprio nel Brics+ ci sono le maggiori potenze energetiche e petrolifere mondiali.

L’obiettivo palese è quello di creare una forte alternativa al blocco occidentale, puntando – in particolare dal punto di vista economico – su uno scenario alternativo a quello dominato dagli Stati Uniti e dal dollaro.

Attualmente il Brics+ ha la presidenza russa: il prossimo vertice Brics+ avrà luogo ad ottobre 2024 a Kazan, capitale della repubblica russa del Tatarstan. E proprio nei giorni scorsi un esponente del Cremlino, Yury Ushakov, in un’intervista con l’agenzia di stampa russa Tass, ha rivelato che i Brics+ stanno creando un sistema di pagamento indipendente su blockchain per regolare il commercio internazionale. In sostanza la politica fiscale dei Brics+ mira a ridurre la dipendenza dal dollaro negli accordi internazionali.

Del resto, durante l’ultimo vertice 2023 a Johannesburg era emersa la proposta di dar vita alla moneta “R5”, cioè una nuova cripto-valuta basata sulle cinque monete dei Paesi Brics: real brasiliano, rublo russo, rupia indiana, renminbi cinese e rand sudafricano. Un progetto che richiede, però, tempi lunghissimi per la realizzazione.

Ma c’è di più. Al di là degli aspetti economici, il nuovo asse Mosca-Teheran assicura a Putin quelle armi necessarie per provare a far capitolare l’Ucraina, in particolare grazie ai droni Shahed 136 di fabbricazione iraniana. Insomma, dietro al conflitto russo-ceceno, ma anche a quello israeliano-palestinese, si muovono interessi globali, si rafforzano polarizzazioni e si aprono nuovi scenari internazionali.

È chiaro, quindi, che gli equilibri economici e geopolitici a livello mondiale stanno cambiando in fretta, parallelamente alla crescita repentina delle economie di alcune nazioni dei Paesi cosiddetti “emergenti”. I Brics+, ad esempio, stanno colonizzando grandi territori in Africa. Con l’Europa che rischia di essere sempre più marginalizzata nel nuovo scacchiere mondiale.

Check Also

Rilanciare gli investimenti in sanità

Una delle più grandi e civili opere pubbliche attuate in Italia è il Servizio sanitario …

 

Si avvisa che il giorno 26 aprile 2024 gli uffici della sede Unsic nazionale resteranno chiusi.

 

Le attività riprenderanno regolarmente il 29 aprile 2024.

 

 

Si informa, inoltre, che gli uffici del Caf Unsic nazionale rimarranno operativi.